Cookie Consent by Official Cookie Consent Luke Scintu: terra
Visualizzazione post con etichetta terra. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta terra. Mostra tutti i post

lunedì 9 settembre 2013

E' stato scoperto Massiccio Tamu: il più grande vulcano del pianeta

E' stato scoperto il più grande vulcano del pianeta. La ricerca è stata condotta dai ricercatori dell'Università di Houston. Il vulcano ha una superficie uguale a quella dell'Italia di 310. 000 km/q, ed è stato chiamato Massiccio Tamu.

In pratica la sua grandezza misura quanto i vulcani giganti del pianeta Marte, di fatto è da considerarsi come uno dei più giganti dell'intero sistema solare. Il professore William Sager iniziò a studiare Massiccio Tamu nel 1993 20 anni fa.

Non lontano dal Giappone- Il vulcano dista solamente 1000 km a est del Giappone ed è parte di una catena montuosa sottomarina di 145. 000.000 di anni fa. Gli scienziati confermano che il Massiccio Tamu ha eruttato da una ''singola fonte vulcanica''. Il Massiccio Tamu è unico anche per la sua forma bassa, ma molto esteso.

Sager crede che Tamu abbia eruttato 145 milioni di anni fa, ma sia diventato inattivo dopo qualche milione di anni la sua comparsa. La sua punta più alta è a 6500 metri nella superficie dell'oceano. Una smisurata dose di magma è esalata dalla sua bocca, proveniente sicuramente dal mantello terrestre. Per i geologi questa informazione potrebbe aiutarli a comprendere meglio i meccanismi nel cuore della terra.

giovedì 29 agosto 2013

Scoperto Kepler 78: l'esopianeta dove un anno dura appena 8 ore

Gli scienziati del MIT hanno scoperto un nuovo esopianeta Keplero 78 ( al di fuori dal sistema solare) dove un anno dura appena 8 ore. Una notizia che sembra priva di ogni fondamenta, eppure  è realtà, l'esopianeta  dista dalla terra 700 anni luce e fa parte della Costellazione della Lira.

Kepler 78 ha le stesse dimensioni della terra ma ruota intorno a un altro sole. La differenza sostanziale con il nostro pianeta è la velocità con cui  completa il periodo di rivoluzione  in appena 8,5 ore.

L'intervallo tra Kepler e la sua stella è inferiore di 40 volte a quello tra Mercurio e il sole. Non è pensabile nessuna forma di vita poiché  si è calcolata che la temperatura è di 2750 gradi e la superficie è composta di lava, questo è quanto gli astronomi del Massachussets Institute of Technology hanno rilevato.

Grazie a dei potentissimi telescopi tra le altre scoperte gli studiosi hanno potuto rilevare la luce emanata da Keplero 78. Questo vorrebbe dire essere a conoscenza della massa del primo esopianeta delle estensione della terra.

Un altro fattore che rende il pianeta inospitale è la sua atmosfera  composta di scie di elementi molto pesanti per la sua vicinanza con la stella di attinenza. Il record di Kepler potrebbe a breve essere superato da un altro esopianeta per il momento più vicino alla stella di riferimento.  Dove il suo percorso completo è in appena 4 ore e trenta minuti, la metà di Kepler 78.  Il nome del pianeta è Koi 1843.03.


foto:  via[sxc]



giovedì 6 giugno 2013

10 posti da visitare prima che spariscano


Tutto ha una fine nel mondo: la vita umana e di un animale persino le opere architettoniche, così prima che certi monumenti o intere città scompaiano, sarebbe opportuno  vederle. Questo articolo vi propone:  10 posti da visitare prima che spariscano.

Alquanto triste tutto questo  non pensate? Ma già in altre epoche noi attuali abitanti delle terra non abbiamo fatto in tempo a vedere un monumento precedente ma non solo: intere regioni e città. Questa è la vita: tutto sparisce, tranne il ricordo.


In genere i mutamenti terrestri sono dovuti: al livello dei mari, la desertificazione, i monsoni torrenziali, scioglimento dei ghiacciai o l'acidificazione degli oceani. Il cambiamento sta rapidamente alterando  il paesaggio del nostro pianeta. Forse potremo essere l'ultima generazione a poter vedere alcuni dei posti più belli della terra.


1-  Glacier Park National
foto: via flickr - autore stuckincustoms
Glacier National Park

Solo 100 anni fa si trovavano 150 ghiacciai sparsi in tutto il territorio. Nel 2005 non erano neanche la metà, ne sono rimasti 27, si calcola che entro il 2030 i ghiacciai scompariranno del tutto. Con lo scioglimento dei ghiacci addio anche all'ecosistema del parco.







2 - Venezia
foto: via [sxc.hu]
An afternoon in VeniceEbbene si nei 10 posti da visitare prima che spariscano c'è pure Venezia. L'aumento dei livelli del mare hanno reso una  situazione  preoccupante. La frequenza delle alluvioni aumenta ogni anno, lasciando molti a chiedersi per quanto tempo ancora Venezia può stare sopra l'acqua.








3- Gran Barriera corallina
foto: via[sxc.hu]
Great Barrier Reef 1

E 'così grande che può essere vista dallo spazio, ma la Grande Barriera Corallina sta scomparendo velocemente  a causa dei cambiamenti climatici. L'aumento delle temperature oceaniche, l'inquinamento delle acque, acidificazione degli oceani e cicloni  sta causando  lo sgretolamento del corallo.





4-  Africa Subsahariana
foto: via flickr - autore -johnspooner
Saharan Africa
Secondo alcune stime il Sahara in Africa sta crescendo ad una velocità di 0,5 chilometri al mese. Il  deserto, già il più grande del mondo, potrebbe raggiungere  tutta l'Africa del Nord, alterando l'ambiente di un continente.











5 - Maldive
[wikimedia commons], autore - Bruno de Giusti
File:Bathala from jetty.jpg
Se il livello delle acque continuerà a salire le Maldive  guadagnerà  il primato indesiderato come:  la prima nazione ad essere inghiottita dal mare a causa del riscaldamento globale.














6 -  Patagonia
foto: via[flickr], autore - stuckincustoms

Patagonia

Terra, una landa  di una  bellezza incontaminata, del Sud America  potrebbe essere alterata drammaticamente dai cambiamenti climatici. Molti dei suoi ghiacciai si stanno ritirando a causa delle temperature in aumento e diminuzione delle precipitazioni. Anche se questa terra non scomparirà del tutto, il suo paesaggio potrebbe presto essere in un futuro non lontano  irriconoscibile, se il riscaldamento globale persiste.









7 - Bangladesh
foto: via[sxc.hu]
kaptai lake

Situato nella pianura del  Gange, il Bangladesh è in mezzo a  una tempesta perfetta di condizioni climatiche. Circa il 50 per cento della superficie sarebbe inondato se il livello del mare dovesse aumentare di 1 metro.











8-  Tundra dell'Alaska
foto: via[wikimeda commons] - autore- brockeninglory

File:Icebreaker in greenland 2.JPG

Con il riscaldamento globale si riscalda l'Artico a una velocità doppia rispetto al resto del mondo. La tundra dell'Alaska potrebbe sparire del tutto se  le temperature continuano a salire.  Come la tundra che  si scioglie rilascia il carbonio che contribuisce a un riscaldamento globale.









9- Australia del Sud
Photo:
marj_k/Flickr

South Australia

Molto simile al Sahara in Africa, la desertificazione minaccia il sud dell'Australia. In tutta la regione l'acqua dolce si sta prosciugando.Nel frattempo, il paesaggio  aumenta il verificarsi di incendi, che minacciano l'agricoltura, la fauna selvatica e centinaia di case australiane.  











10 - Alpi
Photo:
will_cyclist/Flickr
Man on bicycle at foot of Alps


I famosi ghiacciai  sono destinati a scomparire entro il 2050.

mercoledì 27 febbraio 2013

In 150 anni 6 miliardi di persone saranno morte

E' da qualche tempo che nei miei pensieri notturni prima di addormentarmi una domanda alquanto particolare  naviga nella mia mente:  Se in meno di 150 anni gli abitanti attuali della terra saranno tutti morti. La risposta potrebbe essere affermativa per quanto ormai le aspettative di vita sono  vicine intorno agli 80 anni. 

Quindi se nei prossimi 150 anni non ci fossero più nascite l'uomo si estinguerebbe. Lo so sembra un discorso fatto da uno che si è appena bevuto alcool allo stato puro, ma sarei curioso se qualcun'altro si è mai posto questa domanda.

Tra l'altro, non sono riuscito a trovare nulla su google a questo mio quesito. Se andiamo a ritroso nel tempo è logico che nel giro di un secolo o poco più, tutti nati di quel periodo storico moriranno lasciando il posto a un'altra generazione eppure, non si è mai specificato ho scritto, quanto ci voglia perché tutti gli abitanti di adesso nell'arco di un determinato periodo muoiano a prescindere se sarà in modo  naturale o di  altro.

Forse si potrebbe affermare che tutti i nati dell'800 si sono estinti, e che a breve seguiranno quelli dei primi del '900, poiché una persona della classe del 1905 oggi  avrebbe la bellezza di 108 anni, di conseguenza forse in tutto il mondo non saranno più di 10 di quella stessa annata.

Qui concludo, potrei sembrare ripetitivo, ai prossimi quesiti.



foto: via [meteoweb.eu]

mercoledì 25 gennaio 2012

Trema il nord Italia: scosse di terremoto di magnitudo 4.2

Il nord Italia questa notte ha tremato causa una forte scossa di magnitudo 4.2 nel veronese; stami alle 9: 06 il terremoto è arrivato nell'aerea di Parma, Mantova e reggio Emilia! Per avere altre notizie ecco un link utile con un video.


venerdì 2 settembre 2011

Web Cam live dal mondo: per essere sempre aggiornati


Chi non può viaggiare fisicamente, perché viaggiare spesso costa, internet dà la possibilità di farlo stando seduti comodamente a casa, con il proprio computer! Come? Tramite le web Cam live che sono installate nelle città e nelle piazze più importanti del mondo, abbiamo l'opportunità di vedere e carpire quello che succede a migliaia di km da casa nostra.
Capisco che forse è una magra consolazione ma almeno la nostra fantasia è libera di spaziare, vediamo quali sono i link più affidabili e funzionanti:

Earth Cam: http://www.earthcam.com/ il primo portale sul web per cam installate in giro per le città di tutto il mondo, nella pagina principale ecco subito Time Square a New York, sul motore di ricerca personale potete digitare la città che volete vedere, tutto è sempre in diretta! Gli Stati Uniti hanno un ruolo predominante nel sito, ovviamente c'è spazio anche per l'Europa e le nostre città d'arte.

England Webcams http://www.webcamworld.com/directory/Europe/United_Kingdom/England/ se avete la Gran Bretagna nel cuore,questo è un bellissimo sito dove potrete vedere non solo Londra, ma la vera Inghilterra con i suoi paesetti caratteristici, come per es Glanstobury!

Web Cam dal Mondo http://www.dive3000.com/webmondo.htm il titolo del sito parla chiaro, tra le metropoli proposte in cam live c'è anche quella del lontano oriente Shanghai!

lunedì 25 luglio 2011

sardinia

sardinia by luke scintu
sardinia, a photo by luke scintu on Flickr.

Non lontano da casa mia c'è questo meraviglioso paesaggio ancora poco conosciuto; ma forse meglio così, sul finire il fiume va a morire nel mare! L'acqua è sempre calda, in questo tratto sembra addirittura di essere in Irlanda!

Regent's park london

Regent's park london by luke scintu
Regent's park london, a photo by luke scintu on Flickr.

bellissimo parco in prossimità di Camden town

mercoledì 22 giugno 2011

Gli uomini GIGANTI sono esistiti veramente?

Chi sono i giganti sono esistiti veramente? Sicuramente è noto che ogni singolo ritrovamento fatto in merito a questa scoperta che potrebbe rivoluzionare tutta la storia, i reperti o delle prove vengono sempre occultate o distrutte per sempre.
Una cosa è sicura che più si va a ritroso nel tempo più le opere i massi per costruire mastodontiche roccaforti o monumenti sono giganti, ancora nessuno non ha dato una spiegazione di come certe pietre dalle dimensioni ciclopiche e di svariate tonnellate possano essere state messe e incastonate tra loro senza nessun materiale per unirle tra loro, una spiegazione per me non bizzarra è quella che in un tempo si pensa intorno 12000 A.C ci siano stati uomini di grossa taglia anche di 4 metri avente una forza adatta per sollevare tali massi.
In Sardegna ci sono state delle scoperte sensazionali riguardo ai giganti, in particolare a Pauli Arbarei, ma nessuno vuole effettuare gli scavi; la sovraintendenza fa finta di niente di tante testimonianze di persone del posto di aver ritrovato ossa di dimensioni giganti ma non di animali di uomini di altezza considerevole anche di 4 metri.
Gli stessi incastri delle pietre li possiamo trovare a migliaia di km ma esattamente vicini e sovrapponibili con la stessa tecnica...sembra che le stesse mani hanno costruito ogni dove in quell'epoca.
Di seguito ecco 2 video molto interessanti uno dove parla Luigi Muscas autore del libro: I Giganti e il Culto delle Stelle e una interessante puntata di Voyager - Gli uomini GIGANTI del passato

domenica 12 giugno 2011

Sardinia

Vivere in Antartide; uno chef sardo alla scoperta dei ghiacci

Uno chef alla ricerca di un'esperienza unica al confine della civiltà e spazi immensi come quelli dell'Antartide, una scelta di vita non di certo dedita solamente al lato meno nobile quello del denaro ma fatta per l'amore dell'avventura e della conoscenza a 180 gradi.
Rimanere isolati dentro una base per oltre 12 mesi con poche persone non è da tutti
per scoprire meglio questo personaggio particolare ma prima di tutto anche mio amico
cliccate sull'ultima parola del post che vi condurrà direttamente a una sua intervista

venerdì 3 giugno 2011

Sardinia-Peacefull

C'è un posto che si chiama Sardegna dalle sconfinate colline che poi come d'incanto apre nuovi orizzonti per mari e spiagge incontaminate, a volte rimango da solo a contemplare tutto questo; di particolar suggestione e emozione lo è ancor di più nella stagione invernale quando il mare è solo per me. Mi chiedo cosa stia facendo quella persona che ancora naviga tra miei pensieri in quello stesso istante, quel mare che ci separa, ''ma fosse stato solo il mare'', non sarei rimasto a godere di questo spettacolo da solo!