Cookie Consent by Official Cookie Consent Luke Sardinia: salute
Visualizzazione post con etichetta salute. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta salute. Mostra tutti i post

domenica 21 febbraio 2021

10 alimenti che contengono più calcio di un bicchiere di latte


Nel nostro corpo è presente circa 1000 g di calcio, il 99% si trova nelle ossa e nei denti e assumerne giornalmente una giusta quantità è essenziale. Per chi è intollerante al lattosio è possibile sostituirlo con altri alimenti sani e nutrienti: ecco i 10 alimenti che contengono più calcio di un bicchiere di latte. 

1- Salmone: Il salmone fresco e il salmone in scatola contengono più calcio di quanto ci si aspetterebbe. Una porzione da 170 grammi equivale all'incirca a 340 milligrammi di calcio.

2) Ricotta: Fare uno spuntino con della ricotta vuol dire mangiare circa 380 milligrammi di calcio. 

3) Semi di chia: Un altro ottimo sostituto del latte: cento grammi di semi di chia contengono 631 milligrammi di calcio. Inoltre, i semi di chia sono ricchi di vitamina C e omega3, utili per la salute dell’intestino e del sistema nervoso.

4) Sardine: Mangiare una porzione di sarde da 170 grammi equivale a 370 milligrammi di calcio. Inoltre, anche le sardine sono ricche di acidi grassi omega-3 e vitamina D.

4) Mandorle: Le mandorle sono un vero toccasana per il nostro organismo; ovviamente tra i tanti benefici contengono anche calcio. 

5) Verdure: Le verdure sono una grande fonte di calcio, in particolare gli spinaci, le foglie di senape, le cime di rapa e il cavolo. 

6) Succo di agrumi: Un bicchiere di succo di agrumi può contenere fino a 350 milligrammi di calcio.

7) Ficchi secchi: Chi l'avrebbe detto che anche una buona manciata di fichi secchi equivalgono a 320 milligrammi di calcio. Ovviamente, fate attenzione alle troppe calorie e zuccheri.

8) Ceci: Un piatto di ceci equivale a 350 milligrammi di calcio. 

9) Tofu: Una tazza di tofu contiene ben 861 milligrammi di calcio. 

10) Fiochi d'avena: Una mezza tazza d'avena può contenere circa 200 milligrammi di calcio. 

martedì 23 aprile 2019

10 Alimenti naturali che sostituiscono il Burro


Qualche tempo fa avevo scritto un post sui 10 alimenti che contengono più calcio di un bicchiere di latte, oggi vorrei proporre un altro argomento sempre sul cibo dal titolo: i 10 alimenti naturali che sostituiscono il burro: una valida alternativa per eliminare i grassi saturi e mantenere sempre un gusto raffinato. Perciò tu sia intollerante al lattosio o semplicemente ami la cucina mediterranea sarai a conoscenza che il burro ha un alto contenuti di grassi che producono colesterolo. I cibi naturali che sostituiscono il Burro possono essere utilizzati in tantissimi piatti giornalieri.

Il burro non è l'unica alternativa


Olio d'oliva: L'olio d'oliva è ricco di grassi sani monoinsaturi ed è un alimento base nella dieta mediterranea. Salute: l'olio d'oliva è un toccasana per il cuore e ricco di antiossidanti per la pelle e capelli.

Purè di zucca: Questo succulento purè è un ottimo sostituto del burro in molti dolci, quali pasticcini e altri ancora. Salute: La zucca è ricca di vitamine e minerali, quali vitamina A. È anche ricca di antiossidanti che aiutano a prevenire le malattie croniche come il cancro e le malattie cardiache.

Burro di noci: Se non l'hai mai assaggiato, ti consiglio di procurartelo oggi stesso e provarlo assieme a una fette di pancarrè. Salute: il burro di noci come le mandorle è ricco di grassi monoinsaturi ottimi per combattere il colesterolo.

Salsa di mele: La salsa di mele è un'ottima alternativa al burro. Salute: è ricca di vitamine e minerali pur essendo a basso contenuto di grassi. 

Yogurt greco: Lo yogurt greco è denso e contiene meno grassi e meno calorie del burro. Salute: è privo di grassi ed è una grande fonte di proteine. 

Olio di cocco: Non solo l'olio di cocco è un toccasana per la pelle e capelli, ma è anche un delizioso sostituto del burro. Salute: ricco di grassi sani, fornitore di energia rapida e aiuta a mantenere una buona concentrazione.

Avocado: Ideale per le ricette salutiste e buon sostitutivo del burro. Salute: l'avocado è riccho di grassi sani e antiossidanti. Ricco di fibre, aiuta a una migliore digestione.

Banana schiacciata: Le banane sono dei frutti universali e possono sostituire il burro nella preparazione di tanti dolci. Salute: la banana è famosa per il suo livello di potassio, ma è anche ricca di fibre che aiutano una persona nella fase della perdita di peso.

Fagioli neri: I fagioli neri possono essere aggiunti alla preparazione di qualche dolce la cioccolato. Salute: ricchi di proteine e contribuiscono a mantenere alta la tua energia.

Ghee (burro chiarificato): Questo burro chiarificato ha un sapore che ricorda quello delle noci e può essere usato al posto del burro. Salute: privo di lattosio, quindi altamente digestivo. Contiene anche acidi grassi che possono aiutare a lenire l'infiammazione nel corpo.


giovedì 11 febbraio 2016

Come mai gli astronauti russi non si ammalano



Ieri su You Tube mi sono imbattuto in un video molto interessante che raccontava di Come mai gli astronauti russi non si ammalano, clip caricato da Milleaccedini, uno dei youtuber più famosi in Italia. Bene, Mille ha parlato di un argomento alquanto interessante ma abbastanza strano 'la ricetta per non ammalarsi mai'. Lo youtuber racconta di un'intervista fatta a un medico russo, il professor Ivan Pavlovich Neumivakin, responsabile della salute degli astronauti russi. Il dottore ha asserito che i suoi assistiti con il suo metodo non conoscono cosa sono le malattie. Ma quale sarà il segreto? La prima ricetta è quello di bere molta acqua. Il professor Pavlovich ha paragonato il corpo umano a una catena di montaggio che ha il compito di trasformare il cibo in acqua. Per prima è necessario masticare bene il prodotto in modo tale che quando mandiamo giù il cibo, questo è diventato sotto forma di liquidi.


Il segreto per non ammalarsi mai



La seconda cosa da fare per avere una vita sana e non ammalarsi mai è cercare di non bere durante i pasti, poiché il cibo che noi ingeriamo viene  trasformato in liquido da alcuni acidi, mentre invece, bevendo durante il pasto andiamo a diluire questi acidi e indebolire il processo di digestione. In base alla teoria del dottore, tutto quello che non è trasformato in liquido dal nostro corpo diventa una scoria, le scorie sarebbero la causa principale delle malattie. Inoltre, l'uomo occidentale mangerebbe quattro volte in più rispetto a quello che è realmente necessario, generando Tumori e altre malattie. Di conseguenza, ciò che un organo in sovraccarico non riesce più a fare diventa un compito per un altro organo che con il passare del tempo svilupperebbe una propria patologia.


Cicli di depurazione



All'interno del programma per non ammalarsi mai esiste una clinica dove vengono effettuati dei cicli di depurazione per 15 giorni. Secondo la testimonianza del dottore, alcune persone con il morbo di Parkinson dopo aver intrapreso questo percorso hanno iniziato a condurre una vita quasi normale. Il ciclo di depurazione consiste nel fare due giorni di digiuno alternati ad altri due bevendo tisane, praticamente dando una grossa importanza all'acqua, poiché è luogo comune quando una persona ha desiderio di mangiare bere due bicchieri d'acqua blocca la fame, ma anche perché l'acqua depura, quindi riesce a rigenerare le cellule. Questo a grandi linee sarebbe il segreto degli astronauti russi, una cosa tra l'altro risaputa che bere acqua a stomaco vuoto, specialmente appena alzati fa bene al corpo.

sabato 28 novembre 2015

Quattro sensi importanti ma meno conosciuti



Quando si parla dei sensi si pensa ai 'cinque più famosi': vista, olfatto, tatto, gusto e udito, invece né esistono altri quattro non meno importanti di quelli appeni citati. Ognuno di loro è indispensabile per creare una connessione diretta con l'attività motoria del nostro corpo, inviandoci  delle utili informazioni nel corso della giornata. Capire le funzioni di base dei quattro sensi meno conosciuti è utile per la nostra esistenza di esseri umani. Ad esempio, molti terapisti insegnano ai pazienti colpiti da un ictus, la capacità di utilizzare 'i quattro sensi secondari'. 

1- Vestibular Sense 'Equilibrio': Il senso vestibolare ti da la capacità di essere equilibrato. I recettori di questo senso consentono all'individuo di capire in quale direzione il corpo si sta muovendo in relazione alla forza di gravità. I recettori del senso vestibolare si trovano all'interno dell'orecchio. Quando si muove la famosa pietrolina, ecco perché si soffre di ' vertigine e disturbi dell'equilibrio'.


2 - Propriocezione  - È la capacità di riconoscere e percepire la posizione del nostro corpo nello spazio. Anche quando chiudete gli occhi avete la sensazione di dove siete posizionati. Per qualche minuto sarà ancora possibile afferrare un oggetto ad occhi chiusi. Non solo il cervello e la vista, il nostro corpo ha dei ricettori tramite i muscoli e la pelle per raccogliere delle utili informazioni. Probabilmente nelle persone non vedenti la propriocezione è un senso molto sviluppato. Sir Charles Bell definì la propriocezione come il 'sesto senso'.


3 - Recepire il calore e la temperatura: Il corpo ha dei ricettori che ci indicano a percepire diversamente il caldo dal freddo. Questa attività è regolata dalla nostra pelle, ma ci sono anche dei sensori all'interno dell'organismo dediti a raccogliere informazioni che riguardano la temperatura del nostro corpo e quella esterna. Alcune persone dopo essere state colpite da un fulmine perdono la sensazione di avere freddo.


4 - Percezione del dolore: In base a uno studio fatto presso la Wake Forest University School of Medicine di Winston Salem, si è evidenziato che quando il nostro cervello si aspetta 'uno stimolo meno doloroso' rispetto alla realtà, il corpo umano può percepire fino al 28% in meno del dolore previsto. Un effetto che si otterrebbe con una dose di morfina. Esistono tre differenti percezione del dolore:

  • meccanico correlato da qualsiasi dolore fisico;
  • dolore della temperatura che avverte il passaggio dal caldo al freddo;
  • recettori chimici attivati dal nostro organismo, per esempio l'infiammazione di un muscolo, un torcicollo, cervicale, nevralgia, mal di denti, eccetera.
Infine, esiste una rara malattia genetica 'insensibilità congenita al dolore', 


sabato 14 marzo 2015

Cattive abitudini? Ecco una semplice guida su come liberarsene



Ciò che fai ogni giorno è guidato dalle abitudini più che dal comando di un pensiero. Le abitudini anche quelle cattive, sono come uno schermo protettivo, un modo di essere: un sistema per fare una certa cosa in maniera sbrigativa senza far elaborare dati al nostro cervello. Perciò quando torni dal lavoro o da fare la spesa: lascerai le chiavi di casa sempre nello stesso punto; guai se le posi da un'altra parte, ti ci vorrebbe l'investigatore privato per ritrovarle. La notte quando ti togli i pantaloni, magari invece di piegarli in una sedia li lasci sopra una scrivania. Di esempi e abitudini c'è ne sono per tutti i gusti.

Avere un'abitudine non vuol dire essere scontati

Che tu lo voglia o meno: le abitudini fanno parte dell'uomo da quando questo è apparso sulla terra. Esse ci danno maggiore sicurezza nelle cose che facciamo riducendo il rischio di decidere. Però non tutte le abitudini migliorano la nostra vita, di alcune dovremo proprio liberarcene. Qua casca l'asino come si fa a liberarsene? Come tutte le cose: per migliorare ci vuole dell'esercizio (quindi pratica) e buona forza di volontà! La disciplina è faticosa, le abitudini non ci fanno stancare per niente. Eppure pensaci bene se hai un lavoro e non ti hanno ancora licenziato - forse perché la mattina arrivi sempre in orario. Oppure se hai tutti i denti - magari perché ci tieni e li lavi come ti alzi, dopo aver fatto colazione, dopo pranzo e prima di coricare. Anche qua potrei citartene tante di sane abitudini che ti aiutano a migliorare la vita di tutti i giorni.

Quindi devi farti una semplice domanda '' Quel modo di fare o abitudine mi aiuta a migliorare e raggiungere il mio obbiettivo o mi sta solo ostacolando?'' Se la risposta è negativa, bene cerca di cambiare rotta, magari è arrivato il momento di lasciare da parte quella cattiva abitudine. Ricorda che se per anni hai fatto sempre la stessa cosa, difficilmente quella potrà cambiare in meglio e neanche in peggio ... rimane immobile. L'esercizio che voglio consigliarti è abbastanza semplice scrivi in un blocco note o su Word queste domande
  • Qual è quella cosa se la facessi assiduamente migliorerebbe la mia carriera professionale?
  • Qual è quella cosa se la facessi assiduamente migliorerebbe i rapporti personali con gli altri e con il mio partner?
  • Qual è quella cosa se la facessi assiduamente migliorerebbe il mio benessere interiore ed esteriore.
Come vedi le domande interessano i 3 campi fondamentali della vita di una persona
  1. Lavoro 
  2. Relazioni
  3. Salute
Quando hai trovato le risposte dedica del tempo per introdurre queste nuove abitudini nelle tue giornate. Ma non focalizzare l'attenzione su come cancellare la cattiva abitudine, ma invece: su come deve essere sostituita. Per esempio mangi troppo caramelle che ti cariano i denti. Modo corretto '' Ogni volta che mi viene voglia di mangiare una caramelle bevo un bicchiere d'acqua''. Perciò per ogni cattiva abitudine (tra parentesi) scrivi la soluzione su come hai intenzione di sostituirla. 

  •  '' Ogni volta che ho sete bevo un bicchiere di coca cola'' - Sostituiscilo con ''Ogni volta che ho sete bevo un bicchiere di acqua''. 
  • ''Ogni volta che sono nervosa mi mangio le unghie'' - Sostituiscilo con ''Ogni volta che sono nervosa faccio 6 respiri profondi con la pancia o 5 flessioni''.
Come dicono gli esperti occorrono 28 giorni per abituarci a un nuovo comportamento. Se avete utilizzato il nuovo modo di fare per 28 giorni di seguito, questa diverrà una nuova abitudine.

sabato 28 febbraio 2015

Give me a Hug:10 benefici di un abbraccio

L'abbraccio non è solo un gesto d'amore ma una vera terapia. Il calore di un abbraccio porta benefici a livello di emozione e salute. È un gesto primordiale che sancisce il primo momento tra la mamma e il bambino. L'abbraccio rappresenta l'amore  tra 2 persone è una sinergia e scambio di positività. In questi casi non servono le parole. Oppure se proprio non volete abbracciare nessuno provate la Silvoterapia - in pratica abbracciate un albero - positività e energia allo stato puro. In poche parole give me a Hug

10 benefici di un abbraccio


1 ) Guarire: L'abbraccio stimola nel nostro organismo la produzione di sostanze salutari. Ecco perché viene chiamato abbraccio -terapia.

2) Ringiovanire: Sembra incredibile ma un semplice abbraccio ha il potere di ossigenazione del sangue. Abbracciando una persona fortifichiamo il suo organismo stimolando l'emoglobina.

3) Benessere: Abbracciare un'altra persona è regalare e donare del calore. Non costa nulla e fa bene all'anima.

4) Depressione: È una terapia naturale che può aiutare le persone giù di morale. Le persone che ricevono dei frequenti abbracci presentano un rischio inferiore di andare incontro alla depressione.

5) Autostima: Ricevere un gesto d'amore non può che altro portare autostima.

6) Stress: L'abbraccio è un ottimo rimedio contro lo stress. Il merito è l'ossitocina sostanza del buon umore.

7) Mamma e bambino: È uno dei gesti più naturali e spontanei d'affetto. Se il bambino piange, l'abbraccio è il modo più efficace per rincuorarlo.

8) Memoria: L'abbraccio migliora la memoria. 

9) Cuore: Amore è l'unica cosa per chi dona un abbraccio sincero.

10) Ansia: In caso di attacchi di panico l'abbraccio è una vera terapia. Colui che lo riceve ha la sensazione di sentirsi protetto.

Nel mondo c'è tanta indifferenza e viviamo in un'era dove le persone sembrano avere dimenticato il rispetto, la compassione e sopratutto amare. Give me a Hug :)

martedì 24 febbraio 2015

8 mense scolastiche a confronto, quella italiana la più salutare

Ogni giorno in tutto il mondo milioni di studenti mangiano il loro pranzo nelle mense scolastiche. Solo gli Usa ne conta ben 32 milioni. Come vedremo dalle foto esiste una sostanziale differenza di menù nei vari paesi. La mensa della scuola italiana è ancora la più salutare. Neanche a farlo apposta il lunch school offerto dagli istituti americani è una bomba atomica, quindi difficile che aiuti a prevenire l'obesità infantile.

Purtroppo anche in Italia è cresciuto in modo drastico l'aumento di bambini in sovrappeso, si calcola che il nostro paese è al 5° posto in Europa. Però lasciatemi spezzare una lancia a favore del tanto odiato ristorante di panini McDonald's, non credo che la colpa possa essere unicamente del famoso fast food. Dico questo perché basta entrare in un supermarket per vedere ogni genere di junk food.

Ecco le differenze di 8 mense scolastiche in giro per il mondo. Genitori in quale mensa lascereste mangiare vostro figlio? Ovviamente il menù cambia a secondo del giorno.

1) Italia: Pesce locale, pasta caprese, insalata, pane e uva.













                                              2) Spagna: Gambero con riso integrale,  gazpacho, pane, peperoni, e un'arancia













                                               3) Brasile: maiale con verdure, riso con fagioli neri, insalata, pane e banane al forno.













                                                  4) Corea del Sud: Zuppa di pesce, tofu con riso, broccoli, peperoni, e kimchi













                                                    5) Finlandia: zuppa di piselli, insalata di barbabietole, carote, e pane. Frutta fresca e pannakkau, dolce  di frittella.













                                                     6) Ucraina: salsiccia con purè di patate, borscht, cavoli, e Syrniki (una frittella dolce).













                                                 7) Grecia: pollo al forno con orzo, foglie di vite ripiene, cetrioli e insalata di pomodori, yogurt con semi di melograno e arance.













                                                     8) USA: Pollo fritto popcorn con ketchup, purè di patate, piselli, coppa di frutta, e un biscotto al cioccolato.

lunedì 10 novembre 2014

Conosci il tuo corpo: 38 cose che fanno parte della nostra persona

Sei sicuro di conoscere il tuo corpo? Io credo di no. È come una macchina, per alcuni addirittura un treno, per altri un motocarro. Eppure quando parliamo di corpo non è detto che dev'essere per forza riferito a quello umano. In  filosofia è un oggetto. Si definisce corpo anche un'unita armata. In matematica è una struttura algebrica è cosi via. In questo post ovviamente andrò a indicare delle cose inerenti a quello di un essere umano.

38 cose da sapere sul proprio corpo

1 - Il tuo naso può riconoscere 50 mila odori diversi

2 - Un  adulto è composto da circa 7.000.000.000.000.000.000.000.000.000 atomi

3 - Un bambino ha più di 60 ossa rispetto un adulto

4 - Il corpo umano ha 100.000 chilometri di vasi sanguigni

5 -  Nella vita una persona produce 25.000 litri di saliva, abbastanza per riempire due piscine.

6 - Il tuo corpo produce abbastanza ferro da creare un chiodo di 7 centimetri

7 - Nelle nostre ciglia alloggiano dei piccoli acari.

8 - Il muscolo più forte nel corpo umano è il massetere (muscolo della mascella)

9 -  Le persone più pelose di solito sono quelle più intelligenti 

10 -  Naso e orecchie non smettono di crescere

11 - Come per l'impronta digitale, ognuno di noi ha una differente impronta gustativa.

12 - Al risveglio, la mattina il cervello umano produce elettricità sufficiente ad alimentare una piccola lampadina.

13 -  Le persone con gli occhi azzurri hanno una forte tolleranza all'alcool

14 - L'occhio umano è in grado di distinguere circa 10 milioni diversi di colori

15 - Una persona trascorre il 10% delle ore diurne sbattendo le palpebre

16 - Se l'occhio umano fosse una macchina fotografica digitale avrebbe 576 megapixel.

17 - Tutti i batteri nel nostro corpo pesano complessivamente circa 4 chili.

18 - Il corpo umano produce circa un litro di muco al giorno.

19 - Ci sono più di 100 tipi di tumori; qualsiasi parte del corpo può essere colpita

20 - In base alla musica che si ascolta cambiano i battiti del tuo corpo

21- Il tuo cervello utilizza il 20% del totale di ossigeno e sangue de corpo

22 - Le ossa sono composte dal 31% di acqua.

23 -  Ci sono più batteri nella tua bocca che persone in tutta la terra.

24 -  Se fosse possibile srotolare il proprio DNA di tutte le cellule del corpo, questo sarebbe lungo 10 miliardi di miglia. Andata e ritorno per Plutone.

25 -  La maggior parte della polvere nel proprio letto, in realtà è la propria pelle morta!

26 -Dormire meno di 7 ore per notte riduce l'aspettativa di vita

27 - Il cervello nel corso della vita salva fino a 1 quadrilione (1 milione di miliardi di bit) separate di informazioni.

28 - Il tratto gastrointestinale è un tubo lungo di 9 metri che va dalla bocca all'ano

29 -  Nel corso della vita, il cuore pompa quasi 1,5 milioni di barili di sangue: quanto basta per riempire 200 carri di cisterna di un treno.

30 - Il tuo cuore può continuare a battere anche dopo essere stato esportato dal corpo. Perché ha un impulso elettrico.

domenica 28 settembre 2014

13 fattori determinanti perché molte persone non riescono a perdere peso

Le ho provate proprio tutte per perdere peso, invece neanche un chilo, anzi mi vedo più gonfio del solito! Questa è una delle frasi tipiche che nascono per chi ha come progetto quello di dimagrire, invece il tutto è fallito miseramente. Chi di noi non ha provato a scendere di peso, rinunciare al pane e la pasta per intere settimane eppure risultato finale ... peggio di quanto volevamo dimagrire. Ma ci sono delle ragioni o per la precisione 13 fattori determinanti perché alcuni di noi non riescono a perdere peso

mercoledì 3 settembre 2014

10 delizie da conoscere sul cioccolato

i love chocolate
Dite quello che volete, ma vedere uno scaffale di un supermarket assortito di cioccolato mette il buono umore. È lui il protagonista di quel dolce momento per le nostre papille gustative che gioiranno del suo sapore unico. Voi come lo preferite amaro, dolce, bianco, con le noci o le mandorle, gusto tipo alla ciliegia o alla mela ( già esiste pure quello). Per ora ve lo offro per via multimediale: 10 delizie da conoscere sul cioccolato. Buona lettura!

domenica 24 agosto 2014

Basta secchiate gelate, vip date mano al portafoglio

Ice bucket challenge continua a conquistare sempre più vip, tutti a gettare sopra la propria testa delle secchiate gelate. C'è chi come Bill Gates non si è accontentato della semplice bacinella d'acqua fredda, il boss di Microsoft ha progettato un sistema a carrucole, talmente minuzioso che mi ha dato fastidio. Ma mi ha fatto venire prurito per non scendere a volgarità l'Ice bucket challenge di Marika Fruscio, un vero show di miss maglietta bagnata

martedì 3 giugno 2014

Esiste un vaccino anti scarlattina ?

I soggetti più esposti alla scarlattina sono i bambini. Il corredo immunitario immaturo associato alla frequentazione di ambienti molto promiscui come scuole, ludoteche o palestre avvantaggia la diffusione della malattia che di per sé è assai virulenta.
E’ per questo che molti genitori si domandano spesso se esista una copertura vaccinale anche contro questa patologia.
A differenza delle altre malattie esantematiche la scarlattina non contempla la possibilità di un vaccino: non esiste quindi un vaccino anti scarlattina.
Esistono invece norme base d’igiene che valgono non solo per la scarlattina e che vanno insegnate ai bambini sin da piccoli: lavarsi le mani, non scambiarsi posate, stoviglie e bicchieri, non scambiarsi fazzoletti usati, spazzolini o asciugamani queste sono le regole base per limitare il contagio di moltissime patologie (comprese quelle stagionali). Si tratta di precetti di igiene banali ma troppo spesso trascurati che è sempre bene ricordare ai genitori o a chiunque si interroghi sulla prevenzione della scarlattina e delle altre malattie esantematiche.
La scarlattina si cura sempre con l’antibiotico? La cura antibiotica è quella a cui più frequentemente ricorrono i medici per la cura della scarlattina.
La terapia antibiotica è divenuta un protocollo, la somministrazione varia da 5 a 10 giorni a seconda dell’intensità della malattia.
In realtà l’approccio terapeutico con l’antibiotico riesce a  eludere in radice il rischio che la patologia degeneri in una malattia reumatica.
La malattia reumatica è una possibile complicanza della scarlattina, si tratta di una patologia delicata che interessa cuore e articolazioni. Ebbene, la scienza medica ha appurato con certezza che siffatta patologia non può mai intervenire e mai interviene (come complicanza conseguente alla scarlattina) nei pazienti trattati con terapia antibiotica.
Anche per questo la cura antibiotica nei casi di scarlattina si è affermata come la migliore e più sicura terapia possibile.
Con riguardo alla terapia antibiotica vanno fatte alcune precisazioni:
1.       l’antibiotico non è un medicinale dia automedicazione, la prescrizione di un farmaco antibiotico deve sempre partire dal medico curante.
2.       Solo il medico curante può diagnosticare la scarlattina con certezza e valutare la terapia migliore considerando le condizioni del paziente.
3.       La terapia antibiotica va seguita pedissequamente, senza interruzioni della cura o rettifiche operate in maniera personale e in mancanza di indicazioni mediche.

La scarlattina non è una malattia grave, se prontamente diagnosticata e ben curata, guarisce in breve tempo e senza lasciare strascichi o avere conseguenze sulla salute del paziente.

giovedì 30 gennaio 2014

I massaggi che aiutano a curarci

I massaggi che aiutano a curarci

Il tatto è uno dei cinque importanti sensi dell’organismo umano e forse uno dei più importanti. I massaggi non sono nati nel nuovo millennio ma hanno un radicamento importante sia in Europa che nel continente asiatico.

La storia li fa risalire addirittura agli Egizi che utilizzavano il massaggio per curare e prevenire i dolori e i fastidi quotidiani. Hanno vissuto in Europa un’età buia durante il periodo medievale e rinascimentale e sono stati reinventati dopo la rivoluzione industriale. In Giappone e in Cina, invece, non sono mai passati di moda ma, anzi, il loro valore è cresciuto a tal punto che proprio in quelle zone sono nate le prime scuole di massaggi

Le case farmaceutiche hanno portato talvolta discredito alla tecnica massaggiatoria per questione di lucro. Curare le malattie lievi e i disturbi quotidiani (sciatalgia, distorsioni, dolori cervicali e muscolari) con il massaggio significa togliere guadagno alle multinazionali che fanno dei farmaci il loro business principale.
Per fare un semplice elenco dei massaggi curativi e delle relative problematiche che possono risolvere possiamo indicare:
  • Il massaggio prostatico per curare l’ipertrofia prostatica;
  • Il massaggio connettivale per riattivare la circolazione nella zona delle giunture;
  • Il massaggio drenante per aiutare il nostro corpo ad espellere le tossine.
Ce ne sono molti altre e vengono utilizzati, per metterli in altri, numerose tecniche come lo shiatsu, la kinesiologia, il metodo classico.
Per quale motivo allora i massaggi sono poco utilizzati in ambito benessere? Perché vengono prescritti in lieve percentuale dai medici curanti e perché hanno un elevato costo rispetto ad una pillola. Inoltre non tutti i massaggi sono prescrivibili a carico del servizio sanitario nazionale per motivi sconosciuti ma che fanno comunque ben comodo alla case farmaceutiche mondiali.

Effetti collaterali dei massaggi: nessuno a patto che vengano effettuati da mani esperte e professionali.

sabato 18 gennaio 2014

Sesta malattia: attenzione alle crisi convulsive

La sesta malattia è un’infezione virale contagiosa che colpisce i neonati ei bambini piccoli, provocando eruzioni cutanee e febbre alta. La sesta malattia appare di solito in primavera e in autunno, a volte in focolai locali. La causa più comune è un herpesvirus 6, uno dei virus che causano l'herpes.

I sintomi iniziano con un aumento improvviso della temperatura corporea che può arrivare sino a 40,5° e dura dai 3 ai 5 giorni. Le convulsioni, convulsioni febbrili come noto, sono molto frequenti nelle prime ore di infezione, in particolare quando la temperatura aumenta. Nonostante la febbre alta, il bambino di solito è sveglio e attivo. La febbre di solito scompare il 4° giorno.
I sintomi si trattano come necessario in quanto è importante ridurre la febbre, soprattutto se il bambino ha avuto convulsioni febbrili. Si può usare il paracetamolo o ibuprofene per ridurre la febbre, ma non l'aspirina in quanto non è raccomandato per i bambini e gli adolescenti perché aumenta il rischio di sindrome di Reye.

La prima convulsione febbrile genera sempre grande ansia nella famiglia non solo dalla repentinità della situazione per paura di annunciare grave disturbo neurologico.
Nella maggior parte dei casi le convulsioni (crisi convulsive) dovute al repentino aumento della temperatura corporea nella sesta malattia sono molto diffuse. Il bambino diventa incosciente, ribalta gli occhi, il corpo diventa rigido e subito dopo le braccia e le gambe cominciano a tremare. Dopo pochi minuti si ferma e il corpo si affloscia e il bambino dorme e si sveglia per 15-30 minuti. Durante la crisi può avere labbra viola, la bava alla bocca o urinare.

Crisi convulsive dovute alla sesta malattia: casa fare
In primo luogo non bisogna farsi prendere dal panico e posizionare il bambino in un luogo sicuro dove non si può far male. Abbassare la temperatura con paracetamolo rettale o con impacchi freddi  posti sul corpo nudo.
Se durante il decorso della sesta malattia il bambino presenta una crisi convulsiva è necessario recarsi subito in ospedale per una attenta valutazione della situazione. Di solito è necessario rimanere sotto osservazione per qualche ora e fare qualche test per escludere infezioni del sistema nervoso centrale.


sabato 28 dicembre 2013

In inverno meno casi di impetigine

Recenti ricerche scientifiche di importanti Università italiane hanno potuto constatare che in inverno vi è una minore diffusione di malattie contagiose se si esclude, naturalmente, il caso dell’influenza e dei sintomi da raffreddamento.  I risultati della statistica su un importante campione di adulti e di bambini hanno messo in evidenza che in estate le malattie infettive (in particolare della pelle) aumentano di circa il 20 %: tra queste possiamo indicare in particolare l’impetigine, una malattia della pelle particolarmente contagiosa che colpisce le persone di tutte le fasce d’età.

Ma a cosa attribuire questa escalation di casistiche di contagio nel periodo estivo e una diminuzione in quello invernale? Tutte le persone avrebbe pensato invece il contrario.
Vediamone le motivazioni: il freddo è causa di raffreddore, influenza e sintomatologia influenzale che varia da persone a persona. Ma il freddo scongiura il moltiplicarsi di batteri, virus e bacilli che sono invece la causa di infezione e di trasmissione di molte altre malattie come, appunto, l’impetigine.

Nel caso dell’impetigine bisogna fare i conti inoltre con la sua particolare contagiosità: in estate ci si veste di meno, si suda di più e con più facilità si entra in contatto con i liquidi biologici (come sudore e saliva) delle altre persone. In più la sabbia del mare sfrega la pelle rendendola sicuramente più levigata ma anche, attraverso delle piccole ferite, più facile da penetrare. I virus dell’impetigine hanno via libera quindi verso il resto del corpo. Un consiglio che ci sentiamo di darvi e di applicare subito dopo il bagno di sole delle creme idratanti e restitutive sulla pelle sia di adulti che di bambini.

Quest’ultimi sono sicuramente più esposti al contagio ma anche gli adulti non ne sono per niente immuni. Attenzione inoltre a non trascurare l’impetigine in quanto vi sono numerose problematiche correlate alla mancata cura e terapia.

mercoledì 11 dicembre 2013

Mangia 29 mila calorie al giorno per diventare l'uomo più grasso della Gran Bretagna

Non amo giudicare gli altri ma quando leggo certe notizie, non posso che pensare quanta stupidità navighi nel cervello di alcune persone. Un uomo in Gran Bretagna da 20 anni ha ingurgitato circa  29.000 calorie al giorno per diventare l'uomo più grasso della sua nazione. La notizia è stata data dal giornale MailOnline. Il suo scopo era quello di finire sul libro dei Record,  ( che bel primato).

È stato ospite in alcuni documentari, forse perché preso come fenomeno da baraccone, un giornale gli aveva dato persino una colonna per documentare i lettori della sua obesità galoppante. Una produzione cinematografica l'ha voluto come comparsa in un dramma TV vicino a  Timothy Spall.

L'uomo ora ha 46 anni  e  il suo obbiettivo è cambiato, vuole sopravvivere. Ad ogni modo è riuscito nel suo intento, arrivando a pesare a 412 kg ed essere l'uomo più grasso del Regno Unito. Ora è dimagrito, il suo peso è di 285 kg, ma l'obesità gli ha correlato malattie quali cardio respiratorie.

In tutto questa vicenda assurda l'uomo ora vuole dare un segnale ai giovani, per non mangiare  schifezze e in eccesso. In Gran Bretagna solo un terzo della popolazione ha un peso forma.

mercoledì 27 novembre 2013

Il tonno mangia la plastica, e noi ci mangiamo il tonno

In base a una nuova ricerca effettuata alla Hawaii, si è scoperto che i pesci predatori degli oceani, tra cui il tonno mangia anche della plastica, e l'uomo l'ultimo predatore mangia il tonno. Perciò è allarme sulla nostra salute essendo i consumatori finali della catena.

In sei anni i ricercatori hanno analizzato una grossa quantità di pesci, dove si è potuto appurare che su 10 esemplari, sette avevano tracce di  rifiuti quali la plastica nello stomaco.  L'Opath è il pesce con la più altas percentuale a ingerire il solido incriminato.

Sebbene i risultati non possono che preoccupare sulle conseguenze della salute dell'uomo, dall'altra non si conosce ancora per certo quale sia la vera gravità. Ma è chiaro che nel corso della loro vita, e all'interno della catena alimentare i pesci ( in particolare i predatori) ingeriscono  qualche sostanza inquinante proveniente dalla plastica.

Non solo Oceano- Purtroppo il problema non riguarda solo l'Oceano ma anche i nostri mari, come il Mediterraneo, che da come riportato tramite uno studio fatto dall'Agenzia Federale dell'ambiente tedesca insieme alla Commissione Ue, è presente addirittura l'80% dei rifiuti nelle acque. Infine le micro particelle di plastiche con dimensioni inferiori a 5 millimetri ostacolano la riproduttività delle balenottere.


foto: via[wikimedia commons]

sabato 23 novembre 2013

L'ozio uccide 2 milioni di persone ogni anno

Aggiungi didascalia
Non si muore solo di stress o per fatica, l'ozio e l'inesistente attività fisica uccide. In base all'Organizzazione mondiale della sanità la mancanza di esercizio fisico provoca 2 milioni di morti all'anno. In più, se pensiamo che i decessi causati per obesità sovrappeso mietono altri 2,6 milioni di morti ogni anno, il totale arriva a più di 4,5 milioni di vittime.  In questo caso i dati sono stati resi noti dalla Società italiana di pediatria.

Decessi per tumori e diabete di tipo 2 -  I dottori mettono in allerta le persone  spiegando che la sedentarietà è la causa di alcuni tumori e diabete di tipo 2 tra una percentuale del 10 e 16 %, mentre il 22% di natura cardiovascolare, e patologie croniche. È fondamentale perciò fare attività fisica come: andare a scuola a piedi o in bici per i bambini, ordinare la propria cameretta e salire le scale.Per i grandi cercare di stare meno ore possibile al computer, e camminare quotidianamente per almeno un ora.

mercoledì 9 ottobre 2013

In ogni smartphone c'è un pericolo nascosto per la tua salute

In un articolo uscito sull'Huffington post nella versione francese, ci informa che in ogni smartphone c'è un pericolo nascosto per la tua salute. I dati sono stati resi noti grazie a una ricerca fatta su un campione di intervistati dove si è constatato che il 26% non riesce a fare a meno del suo telefono intelligente in ogni momento della sua giornata.

La tecnologia moderna - Tale tecnologia moderna ormai sta cambiando in modo preoccupante le abitudini degli esseri umani. Un esempio lampante è quello degli smartphone - dipendenti americani chiamati sleep - texting, cioè di persone che hanno scritto e inviato un messaggio addormentate. Oltre a un fattore psicologico l'uso protratto degli smartphone può causare problemi all'udito ( se ascoltati la musica a volume alto) e dolorose tendiniti se frequentemente scrivi messaggi , ma non solo dolori di cervicale dovuti alla postura chinata che una persona assume per leggere dai social network.



Vibrazione Fantasma - Si definisce '' vibrazione fantasma'' l'impressione di un segnale irreale da parte del tuo smartphone. L'ennesimo problema che può portare una persona alla vera dipendenza da smartphone e che molti ragazzi portano il loro melafonino anche in bagno o a dormire. Senza si sentono come persi, inoltre è appurato che l'illuminazione Led può causare insonnia.


Batteri Fecali - Per una volta il smartphone non ha colpa dei pericoli nascosti della tua salute, eppure da una recente ricerca fatta da Wall Street Journal ha affermato, che sono  stati trovati batteri fecali su alcuni campioni di smartphone.

mercoledì 18 settembre 2013

Si è tolto la vita Stephen Crohn: l'uomo immune all'Aids

Stephen Crohn l'uomo immune all'Aids si è tolto la vita. La sua storia è stata un mistero, in quanto a dispetto dei numerosi rapporti non protetti avuti con il partner ammalato da tempo di Aids, Crohn non ha mai contratto nessun virus.  Il motivo è dato da una rara anomalia genetica  che negli anni ha ucciso i suoi cari. L'uomo ormai toccato profondamente da questa disfunzione e morti dei suoi parenti, ieri si è suicidato nella sua casa di New York a 66 anni.



La sua incredibile storia ha inizio nel 1978 quando il suo compagno Jerry Green ha l'Ihv. Crohn sino al momento della scomparsa ebbe cura del partner che morì nel 1982. L'Aids continuò a mietere vittime e amici di Green artista e scrittore, ma che non arrivò mai a lui nonostante continuasse a d avere rapporti non protetti.

In seguito decise di capire quale  fosse la sua diversità sottoponendosi a esami fuori dal comune, in pratica i suoi globuli bianchi furono esposti contro una alta concentrazione di virus elevata di virus. Dagli esperimenti i dottori notarono una anomalia genetica in grado di essere immune al virus dell'Hiv. Sappiamo che l'Aids attacca proprio i globuli bianchi. 

I medici grazie a Stephen Crohn poterono attuare un farmaco, il Maraviroc che blocca il ricettore CCR5 impedendo che l'Hiv regredisca nei malati. 



foto: via[sxc]