Cookie Consent by Official Cookie Consent Luke Scintu: russia
Visualizzazione post con etichetta russia. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta russia. Mostra tutti i post

martedì 3 dicembre 2013

Il gabinetto più alto del mondo

Visto così il titolo potrebbe far ridere perché sembrerebbe più di un fake che una notizia vero, invece parliamo davvero di stranezze  di come l'uomo costruisca in luoghi impervi e al di sopra di ogni logica. In cima a una montagna a 2600 metri su un cornicione che porta a un dirupo vertiginoso si trova il gabinetto più alto del mondo, precisamente ad Altai  Mountain in Siberia.

A questo punto mi chiedo, ma uno non fa prima andare in un cespuglio che sedersi in bilico a una trappola che potrebbe cedere da un momento all'altro?  Il servizio igenico è stato ideato per gli addetti di una stazione meteo isolata dal tempo e poco conosciuta. Solo un postino ogni mese tramite un elicottero porta i vivere necessari per sopravvivere in un luogo dimenticato da Dio.

Eppure la toilete sopra le nuvole ha la sua storia, resiste dal 1938, né passata acqua sotto i ponti e neve dentro quel water. Sono da ammirare i coraggiosi che si siedono all'interno di quella ciambella sospesa nel vuoto, solo a guardala mette paura. Ma alla fine uno quando gli scappa non gli interessa se lo fa nel water della regina Elisabetta o dentro un gabinetto igenico.

Ultimo questo in 75 anni di storia quante persone avranno usufruito di tale servizio?


martedì 29 ottobre 2013

Il ponte sospeso più lungo del mondo di 3.100 metri

A Vladivostok una città russa ( che letteralmente vuol dire Signore dell'Est),e si trova vicino al confine con la Cina inizia la ferrovia Transiberiana. La città dopo decenni di decadenza sta vivendo un rilancio economico e di infrastrutture.

Vladivostok è famosa per avere il ponte strallato meglio conosciuto come sospeso più lungo del mondo. La struttura sospesa congiunge la città ala Russky Island. I suoi numeri? 3100 metri di lunghezza, 1800 di ponte effettivo e 1104 di campata centrale.

L'opera è stata realizzata con il fine di minimizzare le vibrazioni provocate da venti sino a 250 km orari. La società francese Freyssinet ha avuto il compito di realizzare i cavi del ponte sospeso. L'ingegnere del progetto Daniel Le Bon ha spiegato  “Noi rispetto ai nostri concorrenti,“spiega l’ingegnere “siamo in grado di mettere in un condotto di un certo diametro più cavi di acciaio in maniera tale da ridurre gli effetti del vento.” “Abbiamo lavorato a temperature fino a meno 40 gradi, sette giorni su sette, 24 ore su 24,” spiega ancora l’ingegnere della società Freyssinet Daniel Le Bon''.


fonte: euronews


venerdì 3 maggio 2013

Il sottile passaggio tra sonno e realtà rappresentato da foto surreali di donne che sfidano la gravità - foto

Tutti noi cerchiamo un centro di gravità permanente come diceva Battiato. Per ora accontentiamoci delle foto di Nikolay Tikhomirov un  fotografo  russo che ha creato dei bellissimi scatti per un  progetto denominato  Zero Gravity.


Nella collezione  possiamo osservare  ritratti  di eleganti figure femminili che volteggiano nell'aria in ambienti surreali, mentre tutto intorno a loro il tempo si è fermato.  Questi mondi magici  dell'artista sono un connubio creativo tra sogno e realtà che sembrano emergere dall'inconscio e dalla  mente delle donne mentre dormono.


Come da immaginazione ogni donna sembra incurante della sua situazione e dalla mancanza di gravità, continuando a godere di un sonno profondo come la realtà che appare intorno a lei. 

L'arte  di Tikhomirov lascia lo spettatore  in soggezione e in balia di una realtà fatata, benché le foto sono state modificate con un programma di foto ritocco. Gli scatti  presentano una sorta di drammaticità e solitudine, in quanto il soggetto è sempre da solo in tutti gli ambienti dove è stato fotografato.

Ma per quanto possa trasparire quel senso di solitudine, nell'aria si può per lo più percepire silenzio e una pace profonda.











Nikolay Tikhomirov's website
via [Faith Is Torment]

sabato 9 febbraio 2013

Katerina Plotnikova: bosco e fate prendono vita nelle sue foto

Katerina Plotnikova è un fotografa  proveniente dalla fredda Russia, nei suoi scatti riesce a  creare un'atmosfera inquietante e affascinante  di una  natura, fatta di boschi spettrali abitati da fate e fantasmi. Le sue immagini sono semplici ma straordinariamente belle, ogni suo scatto  nasce  dai racconti delle fiabe del nord.

 Luci colori  vengono utilizzati in un ambiente silenzioso.  Il suo portafoglio presenta  foto di  incantevoli giovani donne fluttuanti sorrette dalle mani di spiriti. Alcune figure  galleggiano in cielo, altre  si nascondono  tra i rami degli alberi.


 I soggetti dell'artista  compaiono innocenti come Alice nel paese delle meraviglie, le sue foto catturano  un  mondo misterioso e pagano. Tutti i suoi scatti  sono accomunati dall'anomalia affascinante di  donne tranquillamente sedute in posizioni non convenzionali. Frequente è anche l'immagine  di sedie, le cui dimensioni in relazione alla materia  si spostano di continuo, facendo ancora una volta  riferimento alle avventure di Alice. In  ogni fotografia di Katerina il bosco rappresenta ancora uno dei luoghi più magici al mondo, dove l'emozione non ha età.










foto via [etoday]
Katerina Plotnikova on 500px