Cookie Consent by Official Cookie Consent Luke Scintu: maltrattamenti
Visualizzazione post con etichetta maltrattamenti. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta maltrattamenti. Mostra tutti i post

domenica 9 settembre 2012

Dove morire o essere detenuto è la stessa cosa: Carcere di massima sicurezza Alaska



Ieri su You Tube mentre guardavo un documentario su Federico II di Svevia, non ho ancora capito perché tra i suggerimenti il canale multimediale abbia inserito questo: Carcere duro Alaska, così ho fatto mente locale a un leggendario film "A trenta secondi dalla fine", dove la trama si svolge proprio tra i ghiacci dell'Alaska in un carcere anche quello di massima sicurezza. 

Ma il documentario è  altra cosa, le interviste ai detenuti, uomini che faranno tutta la loro esistenza dentro quell'abisso, carcerati con condanne di 85 e  99 anni. Il documentario fa parte di una della 6 puntate realizzate da Discovery Channel,  qua si imbatte in un tema delicato e scottante, le condizioni: fisiche e psichiche di queste persone che vengono detenute dentro un vero e proprio incubo. Alcune immagini sono state davvero forti ... detenuti giovani appena arrivati che per farsi un nome sfidano e fanno rissa con  quelli veterani costretti all'ergastolo. A me è sembrato chi deve scontare una detenzione corta uscirà da questa galera peggio di prima. Uomini del cosìddetto 1 livello costretti in una cella d'isolamento per 23 ore al giorno.

Spring Creek Correctional Centre, in Alaska, tristemente noto per essere la prigione più infida, al Pendleton Correctional Facility, spietata struttura ad alta sicurezza. Disciplina è l'unica regola che pretende la polizia carceraria, ma dove neanche le telecamere della prigione non possono arrivare esiste un tragico e violento mondo fatto di quotidianità, uomini come bestie e contro tutto e tutti.

giovedì 14 giugno 2012

Cina -Costretta all'aborto al 7° mese di gravidanza dai suoi aguzzini- Foto sconvolgente

SHANXI -  Una donna era la suo 7° mese di gravidanza ma il 3 giugno la nuova vita che teneva nel ventre si è tramutata in una foglia morta. La donna quando era sola in casa sarebbe stata picchiata da aguzzini perché non aveva i soldi per pagare un debito contratto con loro. 

Gli uomini l'hanno picchiata e costretta ad abortire un essere ormai già formato al 7° mese di vita. La foto è sconvolgente, orribile. Credo che difficilmente la donna potrà dimenticare un dolore così grande. 

sabato 9 giugno 2012

Euro 2012 cresce il pericolo della prostituzione minorile

Questo Europeo 2012 sarà ricordato per la triste strage dei cani in Ucraina ma probabilmente anche per altro. In Polonia e Ucraina paesi  che ospitano di Euro 2012 sta accadendo la stessa cosa di Germania 2006 quando l'Italia vinse tra l'altro il mondiale. Un aumento incredibile di prostituzione anche minorile. Nelle città dove verranno disputate le partite ci sarà una massa di tifosi e turisti (si contano più di un milione di presenze), con essa  l'aumento della prostituzione. ECPAT Italia incoraggia i minori a denunciare i possibili male intenzionati. 

In Ucraina dove non esiste rispetto per molte cose  tra cui i diritti umani  è preoccupante il rischio di nuovi casi di prostituzione e malattie infettive proprio in questo periodo.  Tra le regioni più a rischio  Odessa e Crimea,qua i minori sono come merce di scambio usati e sfruttati per i turisti e la malavita dell'est.

mercoledì 16 maggio 2012

Vandali spaventano due giraffe che muoiono di crepacuore

Polonia – (Express-news.it) Dopo un’irruzione notturna nello zoo della città polacca di Lodz due giraffe sono morte da stress. Ignoti vandali, entrati nella notte di Domenica nello zoo, hanno distrutto panchine, sculture e gettato detriti in direzione degli animali, ha detto il responsabile dello zoo. Poche ore dopo l’incidente, una giraffa è morta, l’altra è stato trovata morta la mattina di Lunedi.
L’autopsia effettuata su un animale, una femmina di tre anni, ha rivelato danni al cuore, testimonianza del grande stress, ha detto il vice direttore dello zoo Wlodzimierz Stanislawski. Le giraffe sono molto ansiose e anche suoni insoliti le possono portare a reazioni di stress. Lo zoo non ha telecamere, le guardie non hanno notato nulla del raid notturno.
giraffa stressata 500x357 Vandali spaventano due giraffe che muoiono di crepacuore
fonte:  express news.it

sabato 12 maggio 2012

Pakistan- Una donna chiede il divorzio dal marito che le risponde di no- Lei lo sfigura con l'acido muriatico

ISLAMABAD - Per anni si conosceva la triste sorte di tante donne musulmane sfigurate dai mariti con l'acido muriatico perché per loro donne peccatrici, ora da qualche tempo a questa parte la tendenza a questa brutalità sta cambiando faccia; ossia quella dell'uomo. Mohammad Noman è stato l'ennesima vittima maschile di questo sgarro dalla moglie dopo essersi sentita rifiutare un no per non averle concesso il divorzio. «Il dolore dell'acido è ancora lì, ma il mio cuore soffre troppo, perché l'amavo, e questo è quello che dà a me in cambio» . Queste  le parole dell'uomo ferito nel corpo e nel suo orgoglio.

mercoledì 2 maggio 2012

Uccide il figlio di 7 anni con ripetute percosse poi da fuoco al corpicino

Cardiff, Regno Unito -  Nella capitale del Galles ecco una storia da film  horror, una donna di 31 anni Sara Ege nel 2010 ha ucciso il suo figlioletto di appena 7 anni con percosse ripetute tanto da lasciarli forti lesioni addominali e poi lasciarlo morto, in seguito la donna ha carbonizzato il corpicino del bambino. Il marito era a conoscenza delle violenze giornaliere che la moglie procurava al bambino.

domenica 22 aprile 2012

Ancora una carneficina all’ippodromo inglese

Regno Unito – (Express-news.it) Ancora una tragedia annunciata ad un ippodromo inglese, due cavalli, per altro già campioni famosi, cadono durante la gara di corsa ad ostacoli fratturandosi le zampe, e come di consuetudine vengono abbattuti sul posto.


Dal 2000, ben 35 cavalli sono morti durante questi abominevoli meeting tra l’indifferenza del pubblico festante.
‘Questi magnifici purosangue sono costretti a partecipare al Grand National con l’assoluta certezza che un incidente potrà stroncarne la vita. Che tipo di persona, riflettendoci, può trovare divertente o etico scommettere su animali esausti, sapendo quello che stanno rischiando?’  Purtroppo i fantini non hanno riportato alcuna ferita, ed è questo che più ci fa soffrire.


The Grand National, è descritta come la più grande corsa a ostacoli del mondo, con un record di £ 970,000 di premi in denaro, il che la rende la corsa più ricca in Europa. Solo 15 dei 40 cavalli che hanno iniziato la gara l’hanno poi portata a termine. Insomma veramente uno schifo di una inciviltà assoluta, pensare che queste persone, al contrario, si ritengono superiori ad altri popoli in quanto a civiltà.
fonte:express-news


carnefici 500x274 Ancora una carneficina allippodromo inglese