Cookie Consent by Official Cookie Consent Luke Scintu: lifecoach
Visualizzazione post con etichetta lifecoach. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta lifecoach. Mostra tutti i post

martedì 5 luglio 2022

Vivere la propria vita



Vivere la propria vita è il lavoro più difficile ma allo stesso tempo più appagante del mondo. Troppe persone sono costrette a vivere una esistenza che non gli appartiene, individui che con troppa accondiscendenza sono protagonisti di una vita marginale perché condizionati dall'opinione altrui.

Vivere la tua vita non significa andare fuori dagli schemi non rispettando gli altri, significa portare avanti le tue idee senza che i tuoi sogni si spengano per sempre. Se ognuno di noi avrebbe il coraggio di affrontare la vita e non di adattarsi alle circostanze forse nel mondo ci sarebbe meno disparità tra poveri e ricchi. 

Spesso la nostra coscienza realizza che stiamo affrontando una vita in modo troppo passivo. Così una mattina ti alzerai pensando che questa condizione l'hai custodita con morbosità per giorni, mesi e anni, con nessuna aspettativa di cambiare in meglio, dove ogni giorno è la fotocopia di quello precedente. 

Qualcuno chiama questa condizione di vita come assuefazione dall'esistenza stessa: ti svegli, lavori per un altro che ti considera un numero, torni a casa stanco senza che nessuno abbia mai ascoltato un tuo parere. Ricordati che la vita è un bellissimo viaggio di luoghi inesplorati, sii sincero prima con te stesso e poi con gli altri, mentire alla tua persona ti impedisce di focalizzare i tuoi obbiettivi, ti impedisce quasi di respirare. 

Cerca di non pensare agli errori passati, rifletti sulle tue qualità, ti aiuterà a stare meglio. Prenditi cura del tuo corpo stacca dalla quotidianità concediti ogni giorno un ora di camminata in un parco, possibilmente a contatto con la natura. 

Non ti sto chiedendo oltre misura di mangiare sempre sano, anzi ogni tanto delizia il tuo palato con un cibo che ami in modo particolare. Inizia a prenderti le tue responsabilità: il vero perdente è colui che neanche prova a fare una cosa, ma vive seguendo la massa. Ricordati che una volta acquisito il coraggio di osare ti aiuterà a uscire fuori dal copione della tua vita diventando finalmente l'artefice del tuo destino.

Gianluca Scintu

venerdì 2 settembre 2016

La politica ci prende per i fondelli: 5 tecniche e trucchi di comunicazione

Vorrei raccontarvi di un video che ho appena visto di Montemagno intitolato I trucchi della politica: 7 tecniche e stratagemmi di comunicazione, di come la politica e i politici ci prendano sempre per i fondelli. Io però ne elencherò 5. Quali sono i trucchi e le tecniche usati da sempre da chi ci governa e dai politici di tutto il mondo per manipolare la massa?



1 - Double Speak: Quel modo di parlare che non significa niente che deforma il significato della parole, ma è convincente solo per il fatto che viene espresso da una persona che ha potere.

2 - Infondere la paura tra le persone - La capacità di infondere paura all'interno della nostra pseudo democrazia è abbastanza semplice per un politico, quel che serve è utilizzare un tono della voce preoccupato e gesticolare in determinate parole. In seguito, la paura tra la massa verrà accentuata grazie al supporto di qualche media di turno, schiavo di una classe politica. Media e notizie pompate o camuffate equivagono a una sorta di cassa di risonanza;  allo stesso tempo l'affabilità del politico di sorridere mentre racconta di un problema avrà ancor più potere sulla credibilità della massa.

3 - Linguaggio basico -  Il caso più lampante è quello di Trump, al quale hanno fatto l'analisi dei suoi discorsi, le parole che usa il candidato alla Casa Bianca sono estremamente semplici ma efficaci perché raggiungono la quasi totalità delle persone.

4 - Comunicare senza informare  - È appurato di come la quasi totalità dei discorsi dei politici non comportino un valore aggiunto, anzi al contrario, non danno nessun tipo di informazione. Una incomprensibilità voluta per loro scelta, con il fine di non risolvere i problemi della collettività. Discorsi insulsi e ragionamenti senza un fine culturale o scientifico. In definitiva, non sono i contenuti quelli che contano ma è il contesto: i colori, gli applausi di supporto e lo sfondo studiato. Nel momento che vedi questi immagini hai un 'idea di un interlocutore potente che sa il fatto suo.

5 - La tecnica della normalità - Quando senti la politica parlare vieni quasi assuefatto dalla loro vacua e ingannevole comunicazione. L'assurdo, l'utopia e le bugie diventano nel linguaggio della politica una (finta) normalità imbarazzante.