Cookie Consent by Official Cookie Consent Luke Sardinia: guerra
Visualizzazione post con etichetta guerra. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta guerra. Mostra tutti i post

mercoledì 30 luglio 2014

18 palestinesi della stessa famiglia uccisi da un bombardamento israeliano

foto buzzfeed
Della guerra in Palestina se ne sta parlando tutti i giorni, perciò c'è il rischio di essere scontati e non cadere nelle solite frasi retoriche del tipo '' basta atrocità''. Poi vedi su Facebook passare dallo stesso utente:  foto sconvolgenti di bambini uccisi a quella della Pausini senza mutante - ecco perché ho un lieve senso di malinconia e disgusto per qualcuno.  Ad ogni modo, anch'io come tutti desidero  che questo assurdo conflitto tra gente della stessa terra abbia fine - quel che posso fare e riportare un articolo di Buzzfeed riguardo all'ultimo episodio in questo paese, maledetto  dallo stesso Messia in croce.

18 palestinesi della stessa famiglia uccisi da un bombardamento israeliano

Sabato scorso 18 membri della stessa famiglia hanno perso la vita a Gaza, prima delle 12 ore di tregua del cessate il fuoco  La famiglia Al -Najar  risiedeva nel sud della Striscia di Gaza, precisamente in Khuza'a, in un villaggio vicino al confine israeliano a circa 6 km a est di Khan Younis. Il ministero della salute ha riferito che tutti i membri sono rimasti intrappolati sotto le macerie a seguito dei bombardamenti.

Gli abitanti del villaggio sopravvissuti dopo la tregua si sono riversati nelle strade per fare scorta di provviste e prelevare contanti. Purtroppo si sono registrati episodi di razzia nella case e negozi di persone che precedentemente avevano perso la vita. Anche dalla parte israeliana si iniziano a contare i morti - arrivati a 37 soldati uccisi.

Intanto il presidente del parlamento iraniano Ali Larijani ha dichiarato, che Teheran sta fornendo ad  Hamas il  know-how  per quanto riguarda 'la tecnologia per la fabbricazione di armi'. Per il resto ... il conflitto israeliano - palestinese diventerà sempre più violento.


lunedì 28 luglio 2014

10 cose da sapere sulla Prima guerra Mondiale

100 anni dallo scoppio della prima guerra mondiale
Il 28 luglio 1914 esattamente 100 anni fa l'Austria dichiarava  guerra alla Serbia aprendo le porte allo scoppio della Prima  Guerra Mondiale - una guerra cruenta,  che  presentava nuove armi di distruzione di massa, ma in contrapposizione la difesa e in trincea i soldati erano ancora schiarati con tattiche ottocentesche . All'inizio venne chiamata come  ''guerra europea'' - poi con il coinvolgimento degli Stati Unti, Giappone e colonia dell'impero britannico fu denominata come '' guerra mondiale' o grande guerra.  Sino al 1914 nessuna guerra assunse dimensioni come quella del 1914 - 1918. Il Regno Italia entrò nel conflitto il 24 maggio 1915 dichiarando guerra all'Austria!



   Per fortuna sono nato in un periodo pressoché di pace- eppure nell'anima posso carpire la sofferenza di tanti uomini coinvolti nella guerra. 

10 cose da sapere sulla Prima guerra Mondiale

1 - 28 luglio 1914 - Il conflitto si aprì il 28 luglio 1914 con la dichiarazione di guerra dell'Impero austro -ungarico al Regno di Serbia a seguito dell'assassinio dell'Arciduca Francesco Ferdinando d'Asburgo - Este, avvenuto un mese prima - il 28 giugno 1914 dai colpi sparati da Gavrillo Princip che mirava assieme ad altri compagni dell'unificazione della Jugoslavia.

2 -  Superpotenze - A seguito di alleanze sul finire dell' 800, l'inizio della Prima Guerra Mondiale vide lo schieramento preciso da parte delle Superpotenze - da una parte gli Imperi detti centrali: Germania - Austria/ Ungheria  - Impero Ottomano; dall'altra: Regno Unito -Francia - Russia ( Italia 1915).

3 - Perdite - Mai come prima, una guerra aveva fatto così tante perdite. Gli uomini mobilitati per la Grande Guerra furono oltre 70 milioni ( 60 milioni di europei). Le stime parlano di 17 milioni di caduti alcuni dicono addirittura 65 milioni di morti includendo anche i civili. Il maggior numero di caduti militari è della Germania 2.058.897  ( civili 427.000). Austria/ Ungheria 1.100.000 ( civili 467.000). Francia 1.397.800 ( civili 300.000). Impero Russo 1.187.000 (civili 1.500.000). Regno Unito/ Gran Bretagna 886.639 ( civili 109.000). Italia 651.000 ( civili 589.000).

4 - Fine della Guerra - La prima Guerra Mondiale terminò l'11 novembre 1918 quando la Germania - l'ultimo degli Imperi centrale fu costretta a firmare l'armistizio.

5 - Belle Èpoque - Per quasi 100 anni l'Europa aveva vissuto dal 1815 agli inizi del '900 un periodo di pace e sviluppo economico, nonché artistico - culturale.

6 -  1° agosto 1914 - La Germania dichiara guerra all'Impero Russo . Il 2 agosto la Germania occupa il Lussemburgo senza opposizione. Il 20 agosto l'esercito tedesco entrò a Bruxelles.

7 - Serbia - Benché la Serbia fu la causa dello scoppio della Prima Guerra Mondiale, il territorio serbo fu posto secondario per il conflitto. 

8 - 1915 - Nel conflitto entrano a far parte altre nazioni tra cui l'Italia che era alla ricerca di nuovi vantaggi territoriali. 

9 -  Le nuove armi -  Comparvero aerei in grado di bombardare linee nemiche e città, Carri armati capaci di superare trincee. Bombe a mano, laciafiamme e bombe chimiche. 

10 - Crimini di guerra - Ripetutamente fu violato il diritto internazionale umanitario. Ricordiamo la fucilazione di 100 civili da parte dei bersaglieri italiani dopo un attacco a Villese della stessa popolazione all'esercito italiano. La Russia obbligò le popolazioni tedesche del Volga a trasferirsi in Siberia. L'Austria deportò italofili - serbi - rumeni. Senza contare la prigionia nei campi nemici dei soldati che vivevano in condizioni pietose.




Conosco che è davvero limitativo riassumere la Grande guerra in appena 10 punti. Quel che è certo che oggi il mio pensiero va a coloro che sono morti per un ideale.

venerdì 11 luglio 2014

10 motivi perché il conflitto israeliano-palestinese diventerà sempre più violento

Oltre mezzo secolo di  lotte continue per un pezzo terra e per dissapori religiosi. In particolare le due regioni più coinvolte quella conosciuta come la Striscia di Gaza e in Cisgiordania. Negli ultimi mesi, le tensioni hanno raggiunto picchi preoccupanti, sfociate in azioni disumane come quelle di 4 giorni fa dove è stato bruciato vivo un ragazzo palestinese Mohammed Abu Khdeir dai soldati israeliani. Vediamo di riassumere questo ennesimo capitolo triste dell'umanità in 10 motivi perché il conflitto israeliano-palestinese diventerà sempre più violento

10- Nazione disunita - La Cisgiordania  copre circa l'11 per cento della  superficie totale.dello stato. Proprio in quest'area denominata  "Area A"  Israele può inviare delle truppe in ogni volta che vuole. Le altre due aree del paese aree B e C sono sotto l'autorità mista  palestinese israeliana. Ma è pur sempre come un "area occupata".

9 - Guerra imminente - Israele sta preparando il proprio esercito a  un'invasione su vasta scala a Gaza, già 40.000 uomini si stanno muovendo  contro Hamas.

8 - Sta arrivando la terza Intifada - Alla fine degli anni '80, le proteste palestinesi hanno scatenato una serie di manifestazioni e rivolte contro i cittadini israeliani che ha provocato la morte di oltre 1.000 palestinesi e quasi 100 israeliani. La seconda tra il 2000 - 2005 causò la morte di 3.000 palestinesi e oltre 1.000 israeliani, molti dei quali civili.

7 - Discriminazione - Il 5 luglio 2014, un video amatoriale caricato su You Tube ha mostrato la polizia israeliana picchiare un ragazzo di 15 anni. Questo non è il primo caso.

6 -  Strage di bambini -  La morte di un bambino non deve mai passare inosservata specialmente di fronte a criminali che usano i bambini come scudi umani e li sparano nelle strade.

5 - Un presidente della Palestina inconsistente - Mahmūd Abbās è attaccato da tutte le parti, con i membri di Hamas che lo definiscono un traditore e incapace di governare. Da poco Abbās aveva criticato Hamas per gli attacchi missilistici.

4 -  Continui  Attacchi aerei - L'8 luglio 2014 ci sono stati 160 raid aerei contro Hamas nella striscia di Gaza. In risposta al continuo lancio di razzi dei palestinesi  su Israele.

3 - Violazioni dei diritti umani - Indipendentemente da chi sia l'aggressore,l' uccisione indiscriminata di civili è una violazione dei diritti umani in ogni conflitto.

2 - Nazionalismo cieco - Da una parte quella della Palestina domina un nazionalismo cieco in stile musulmano, dall'altra Israele risponde picchiando i palestinesi sulle strade.

1 - Non c'è mai una ragione - Ho già detto tutto.






lunedì 7 luglio 2014

Sono loro i 10 migliori film di guerra?

film di guerra
C'è chi ama le commedie, chi lo splatter e il film horror, chi il genere drammatico o psicologico, altri la serie di Fantozzi. Per chi invece è un guerrafondaio ( nel senso cinematografico), vediamo i 10 migliori film di guerra, secondo il sito Ranker. Ovviamente ognuno avrà la sua top ten personale. 

1 - Black Hawk Down (Black Hawk abbattuto): Siete d'accordo di mettere Black Hawk Down in cima a questo elenco speciale? Tratto da uno scritto di Mark Bowden, il film nel 2002 ha vinto 2 premi Oscar: miglior montaggio ( Pietro Scalia), miglior sonoro. Una pellicola realistica di una vera battaglia.

2 - Zero Dark Thirty - Non è facile reperire questo dvd, ma vi consiglio di farlo. Un film attuale che narra la cattura di Bin Laden.

3 - Hamburger Hill:  Ambiento in un momento determinante per le sorti della guerra del Vietnam tra l'esercito americano e le forze nordvietnamite. L'obbiettivo era la conquista della collina 937 nella valle di Ashau.

4 - The Hurt Locker : Diretto dalla regista Kathryn Bigelow da uno scritto del giornalista Mark Boal. Degli artificieri americani sono impegnati in una missione in Iraq. Nel 2010 il film ha vinto 6 premi Oscar.

5 -  Lone Survivor: Trascrizione del romanzo di Marcus Luttrell, la trama è quasi una giustificazione per presentare il finto pudore e morale di quello che invece il libro ha voluto raccontare. Il film è basato su una storia vera, quella di Marcus Luttrell e suoi commilitoni impegnati nella missione  Red Wings, in Iraq.

6 - Good Morning Vietnam: Scritto e ispirato  a fatti realmente accaduti e a un personaggio vero ( Adrian Cronaeur). Un aviere atipico perché ama fare il disc- jokey in Vietnam, per sollevari il morale dell'esercito americano.

7 - Pearl Harbor: Seconda guerra mondiale, l'armata nipponica attaccò Pearl Harbor nelle Hawaii. Ma il film vive anche di una parte sentimentale 2 amici si innamoreranno della stessa donna.

8 - We are Soldiers -Fino all'ultimo uomo:  Sanguinario film targato Mel Gibson incentrato sul patriottismo, sulla  retorica e senso di appartenenza. Ennesima sagra sulla guerra del Vietnam.

9-   5 days of War: Qualcuno lo paragona un racconto sulla violenza, d'altronde il tema è la guerra, trovatemi una cosa meno violenta di un conflitto a fuoco. Il film è come un triangolo che collega: l'Iraq -Los Angels e la Georgia. Forse non proprio un film!

10 - Windtalkers: Qua troverete tutto quello che cercate: battaglie cruente, gergo di fronte, gambe troncate e organi al vento.  Ma chi è il protagonista? Nicolas Cage

La grande guerra: Probabilmente chi ha votato su Ranker non conosce i film italiani. Come si fa a lasciare fuori quello di Monicelli, La grande guerra, considerato da tutti come un capolavoro della storia del cinema. I protagonisti Alberto Sordi e Vittorio Gasman. Tra l'altro meritava la top ten anche  per un ritratto vero dei militari italiani al fronte accaduto proprio 100 anni fa. Anzi sapete che vi dico mi è venuta voglia di rivederlo.


Bene questi erano i 10 migliori film di guerra, siete tutti d'accordo?

@lukescintu

lunedì 22 luglio 2013

3 battaglie poco note che hanno cambiato il mondo

Quando parliamo di battaglie molti di noi in modo errato pensano subito alle 2 grandi guerre, del 1914 - 1918, e la seconda guerra mondiale (1940- 1945), eppure nella storia ci sono state delle battaglie poco note, noi nei vogliamo riportare 3, che  hanno cambiato il mondo.


- Battaglia di Poitiers 732

Per molti conosciuta meglio come la battaglia di Tours combattuta in un giorno dalla data ancora non identificata ma presumibilmente il 10 o il 17 di ottobre del 732. In quel tempo la Spagna vedeva sempre più essere preda di berberi e saraceni. I 2 leader degli opposti eserciti furono Abd al-Rahmān b. ʿAbd Allāh al-Ghāfiqī comandante dell'esercito di al-Andalus,  e Carlo Martello capo dell'esercito dei Franchi dei re merovingi. La battaglia tra le 2 fazioni durò dall'alba sino alla notte preceduto da una settimana di tensioni. Grazie al famoso muro di ghiaccio Carlo Martello e i suoi prodi riuscirono a placare l'avanzata dei saraceni che in seguito furono costretti ad abbandonare il campo di battaglia perché dal bosco spunto la cavalleria di Ottone che sorprese gli arabi al fianco destro.  Grazie a questa vittoria i musulmani non poterono entrare in Europa Occidentale.


La Battaglia di Tsushima 1905

Sembra strano eppure il Giappone e la Russia hanno combattuto una battaglia alle porte della prima guerra mondiale. Tale battaglia è chiamata anche come Battaglia Navale del Mare del Giappone. La guerra fu combattuta il 27 maggio e il 28 maggio del 1905. Con questa battaglia decretò la definitiva sconfitta dell'Impero Russo.


La Battaglia di Blenheim, 1704

E' considerata come uno degli avvenimenti nella guerra di successione spagnola.  Alla battaglia  presero schieramento da una parte '' La Grande Alleanza : ( Regno d'Inghilterra, Sacro Romano Impero, Arciducato d'Austria, Elettorato di Hannover, Elettorato di Prussia, Langraviato d'Assia, Province Unite, Regno di Danimarca), dall'altra: Regno di Francia, Elettorato di Baviera. La battaglia  di Blenheim è ricordata come la più grande sconfitta dei francesi  in 40 anni.



foto: inizio articolo [trend]

mercoledì 28 marzo 2012

Libia nuova successione in vista dello stato del Fezzan

La Libia sembra  non avere mai pace, i malumori intercorrono all'ordine del giorno. Questa volta ad alimentare i dissapori è lo stato del Fezzan che rivendica l'autonomia e indipendenza alla Libia.
Il Fezzan è stato oggetto anche di contesa dell'Italia nella prima guerra mondiale, terra al sud della Libia, il suo popolo gente seminomade che si sposta tra il deserto e il Niger nella Libia meridionale.

Prima di rivendicare l'indipendenza fu la Cirenaica altra regione storica della Libia. Da giorni sono insorti guerriglie tra la popolazione locale del Fezzan chiamata Tibu contro i soldati libici. Il bilancio inizia ad essere pesante con 63 morti nella città di Fezzan.

Abdelmajid Mansur portavoce dei Tibu ha chiesto aiuto alle forze internazionali perché questo sempre una pulizia etnica in tutti i sensi. I Tibu furono tra i primi a schierarsi in prima fila per scacciare il tiranno Gheddafi.

sabato 24 marzo 2012

Un altro militare italiano morto in Afghanistan

Un militare italiano è morto oggi in un attacco in Afghanistan a colpi di mortaio.
Altri 5 soldati connazionali sono rimasti feriti.

domenica 11 marzo 2012

Afghanistan, soldato americano esaurito fa strage di civili: 15 morti tra cui bambini



 “Un raptus di follia”. L’unica ipotesi valida  del massacro  di innocenti provocata da un soldato americano in  in Afghanistan. 15 i morti accertati  5 sono rimaste ferite in due località della provincia di Kandahar. Riporta la notizia il Washington Post online scrivendo  Javed Faisal, l'uomo ha agito da solo, in  un raptus di follia, o cosa?  Il soldato, fuori dalla base  ha iniziato a sparare intorno alle 3 di notte locali e 06:30 qua in Italia.







giovedì 3 novembre 2011

La Terza guerra mondiale: non è un'utopia...l'Iran è pronta

E se non fosse un'utopia e nei prossimi mesi potremo essere protagonisti della 3 guerra mondiale. I 2 giornali più famosi al mondo il Times di New York e il Guardian di Londra pensano di un attacco dell'Iran alla Gran Bretagna E Usa.

Sappiamo che anche L'Iran possiede la bomba atomica è presto i suoi bunker saranno fortificati per nascondere i siti nucleari. L'Iran non sarebbe sola sarebbe affiancata dalla Cina e dalla Russia. Probabilmente sarebbe una distruzione di massa.

Fantasia o una vera previsione nell'imminente futuro?

fonte wikimediacommon