Cookie Consent by Official Cookie Consent Luke Scintu: Joe Mulliner: Il Robin Hood del Jersey del Sud

sabato 16 gennaio 2021

Joe Mulliner: Il Robin Hood del Jersey del Sud



Tutti noi abbiamo sentito parlare del mito di Robin Hood, eppure la storia ci racconta di un altro Robin vissuto a metà del 1700 di provenienza dalle Pinelands nel New Jersey. Il South Jersey non è mai stato noto per leggende avvincenti, a meno che non si racconta  la storia  di Joe Mulliner, il "Robin Hood dei Pine Barrens".

Sebbene non si è certi, si presume che Joe Mulliner sia nato vicino nella ragione del South Jersey negli anni '40 del 1700, e in in piena Guerra d'Indipendenza, fu l'unico dei suoi fratelli a non arruolarsi nell'esercito americano.  Così come molti altri residenti nel New Jersey fu fedele alla corona d'Inghilterra. Le sue convinzioni politiche lo costrinsero a fuggire dalla sua casa per evitare l'arresto nel 1779, lasciando sua moglie ad occuparsi della loro fattoria per il resto della guerra. Fu l'unico dei suoi sette fratelli a disertare l'esercito americano.

Nonostante la minaccia di essere catturato, Mulliner si nascose vicino a casa sua e si unì a circa 40 altri rinnegati. Il gruppo di fuggiaschi si accampò su un'isola del fiume Mullica, a poca distanza dalla sus abitazione. La sua leadership lo rese rapidamente il capo della banda,  terrorizzando quella regione e derubando le persone più facoltose .

Nel 1781, il Tribunale della contea di Burlington affermò che Mulliner e la sua banda erano "mossi dall'istigazione del Diavolo", ribelli e traditori contro lo Stato del New Jersey. Secondo le accuse furono rei di aver catturato dei cittadini come prigionieri di guerra.

Simile a Robin Hood, Joe Mulliner era un ladro e un rapinatore, ma lo faceva con classe. In tutti i loro misfatti, lui e la sua banda non hanno mai ucciso o gravemente ferito nessuno. In effetti, la sua reputazione crebbe rapidamente e molti consideravano un onore essere derubati dal famoso Joe Mulliner.  In un'occasione, alcuni membri della banda stavano derubando la casa di una vedova di nome Bates mentre lei era in chiesa. 

Tuttavia Miss Bates incrociò i suoi rapinatori che per placare le sue urla decisero si legarla a un albero e appiccare l fuoco nella sua casa. Poche settimane dopo, la vedova ricevette in forma anonima una cospicua donazione per l'epoca di $ 300. Molti hanno convenuto che i soldi furono spediti da lo stesso Mulliner, per scusarsi dell'immoralità dei suoi uomini.

In un'altra circostanza, si racconta che Mulliner stava passando di fronte a una taverna, quando incontrò una giovane donna che piangeva nel cortile sul retro. L'uomo chiese alla donna perché piangeva; lei rispose perché doveva sposare un uomo che non amava. Il giorno del matrimonio, il ladro entrò in chiesa e diede allo sposo la possibilità di andarsene o morire. Lo sposo fuggì a gambe levate, non fu più visto nel villaggio.

Ma tutto aveva una fine: l'eccessivo amore per le feste fu la sua rovina. All'inizio dell'estate del 1781 partecipò a un party nei presso di Nesco. Come sempre da suo solito invitò a ballare la più bella ragazza della festa, allontanando il suo partner. Questa volta, tuttavia, il rivale furioso si diresse verso lo sceriffo della milizia locale, che promise di dare la caccia al famigerato Joe Mulliner. Mulliner fu accerchiato da una folla, dove si dovette arrendere per la prima volta nella sua vita. Portato poi alla prigione di Burlington fu imprigionato, processato, prelevato dalla sua cella e impiccato quel giorno stesso. 

Il suo corpo fu consegnato alla moglie, poi seppellito nel terreno della fattoria di famiglia. Nonostante la sua morte, il suo mito non accennò a scomparire: alcuni viaggiatori raccontavano di aver udito delle risate nei boschi o di aver visto un uomo simile al famoso fuorilegge stare in piedi appoggiato ad un albero con le pistole nel cinturone. Dopo il 1800 non fu più possibile reperire la tomba di Joe Mulliner, ma nonostante questo le sue gesta non potranno mai scomparire nella regione del South Jersey! 

fonte southjersey.