Visualizzazione post con etichetta pasqua. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta pasqua. Mostra tutti i post

lunedì 29 marzo 2021

La Vera ORIGINE e Significato ESOTERICO della PASQUA

 


Per il mondo cristiano la Pasqua è la ricorrenza liturgica più importante, ma come in altre feste, tale ricorrenza veniva celebrata dalle popolazioni pagane ancor prima dell'avvenuta di Cristo. Oltre tutto, questa festività è detta mobile, in quanto viene celebrata la prima domenica che segue la luna piena, subito dopo l'Equinozio di Primavera. Un altro elemento che ci indica come la chiesa troppo spesso ha volutamente preso spunto da altre tradizioni radicate nel tempo per farle poi a proprio piacimento.

Non a caso in lingua inglese la parola Ester (Pasqua) deriva dal tedesco antico Ostara, che le popolazioni locali celebravano in concomitanza con l'Equinozio di Primavera. A sua volta, la parola Ostara prende il nome da quello della dea Eostre, dea della fertilità e del sole nascente. Tale festività prese sempre più diffusione anche in altre parti d'Europa connesso alle invasioni germaniche.

Volendo scavare ancora più affondo, troviamo un ulteriore affinità con altre culture indo - europee, con la figura mitologia greca di Estia, figlia di Crono e Rea. Ovviamente, vi è una connessione anche con la cultura romana nella figura di Vesta, sorella di Giove, Nettuno e Plutone. 

La festività di Ostara era molto sentita per le popolazioni nordiche e germaniche, poiché simboleggiava la rinascita della luce dopo svariati mesi nei quali le tenebre avevano fatto da padrone. Per l'occasione le sacerdotesse della divinità, eseguivano un rito particolare, nel quale accendevano un cero (successivamente assimilato con il culto cristiano) - che simboleggiava la fiamma eterna della vita, per spegnerlo solo all'alba del giorno dopo.

Anche ulteriori elementi furono presi dalla festività pasquale: il coniglietto pasquale, noto anche come coniglio di primavera - simbolo incentrato sulla fertilità e prosperità, e l'uovo di Pasqua che simboleggia l'esistenza, la nascita della vita, conosciuto anche come uovo cosmico - ossia la creazione dell'Universo!

 Ovviamente oltre a una spiegazione europea, c'è ne una che ci porta fino alla civiltà Babilonese e all'adorazione 2000 prima di Cristo di un loro dio, Tammuz, il cui culto poi si diffuse in tutto il Mediterraneo - Grecia compresa.

Tammuz fu riportato in vita dagli inferi da sua madre/moglie, Ishtar (da cui la festa prende il nome, Easter, Pasqua in inglese). Nella maggior parte dei dialetti di origine semitica «Ishtar» è pronunciata «Easter». Come possiamo vedere sono davvero troppe le affinità con la Pasqua Cristiana.

Il Significato Esoterico della Croce

 La croce è un simbolo antico, rappresenta il misticismo come il credo spirituale e pratica religiosa. Essa simboleggia le quattro stagioni dell'anno; i quattro punti cardinali; le quattro via della scienza, dell'arte, della filosofia e religione; e le quattro età dell'uomo: oro, argento, ferro e rame.

 

 


venerdì 6 novembre 2020

8 Auguri di Buona Pasqua 2020 che la faranno emozionare

Pasqua 2020 c'è la ricorderemo come la Pasqua delle restrizioni, di dover rimanere a casa è sopratutto di non poter abbracciare il proprio partner qualora non si convive insieme. Una Pasqua dove gli auguri avranno un peso ancora maggiore rispetto ad altre circostanze. Si perché le parole quando sono dette con il cuore diventano un toccasana, ed è proprio negli auguri di questa Pasqua 2020 che devono essere connesse le nostre speranze, quella voglia di non arrendersi che si mischia a quella passione di riabbracciare presto colei che ancora ci fa ardere il cuore. La mattina di Pasqua, il mio primo pensiero sei il mio benessere.
benessere
Auguri di Buona Pasqua 2020: dediche per lei 

Le campane suonano a festa e il mio cuore ammira il tuo primo risveglio. Buona Pasqua amore.

Anche nella distanza il mio amore per te non è cambiato, è come la domenica di Pasqua che aspetta la luce per ricontrarci.

Anche Pasqua 2020 è arrivata, ed io non posso far altro che augurare a te e alla tua famiglia una serena giornata. Auguri amore.

In questo periodo di quarantena ti penso ancora di più, difficile non riuscire a farlo. Buona Pasqua tesoro.

Ormai è più di un mese che non sfioro le tue labbra, che non posso più abbracciarti. Ma sono felice lo stesso poiché presto tutto questo sarà di nuovo realtà: Auguri di Buona Pasqua Amore.

Sei dolce come un uovo di Pasqua, ma per me preziosa più del Sole. Ti amo tanto e mi auguro che possa trascorrere una magnifica Pasqua.

Rimango immobile con la mia malinconia, ma è ora di reagire poiché oggi celebriamo la Santa Pasqua, il Signore è risorto... a lui ho chiesto di poterti riabbracciare presto. Ti amo.

Un semplice messaggio ma carico del mio amore per te e augurati una felice Pasqua.


giovedì 5 novembre 2020

Cosa mangiano a Pasqua in Islanda

Abbiamo visto le tradizioni principali a Pasqua in Islanda, oggi cerchiamo di capire quali sono le pietanze principali in concomitanza di questa festività.

L'uovo di Pasqua Islandese

Da sempre le uova di Pasqua al cioccolato (Paskaegg in islandese) hanno fatto parte della tradizione pasquale islandese. Nei supermarket possono essere trovate di qualsiasi dimensione, persino uovo di Pasqua jumbo da soddisfare una intera famiglia. L'uovo più comprato è al latte, gli altri possono essere al gusto fondente, ed è possibile trovarne persino alla liquirizia e riso soffiato. Le uova vuote di cioccolato vengono riempite di caramelle, il tipo di caramella dipende dal produttore

L'Agnello Pasquale

Immancabile ad un pranzo di Pasqua, anzi per cena in Islanda è l'agnello arrosto. L'agnello è il pasto perfetto per gran parte delle famiglie islandesi. Per contorno, in genere è abitudine mettere pattate glassate con zucchero, fagiolini con molta al gusto di pepe.

Decorazioni Pasquali 

Le decorazioni pasquali non sono luminose come quelle natalizie, ma è tradizione vederle ovunque e generalmente vengono fatte in casa. Dalla scuola i bambini tornano a casa con dei coniglietti fatti a mano, uova e fiori. Tendenzialmente il colore predominate pasquale in Islanda è il giallo. 

giovedì 13 aprile 2017

Galles: tradizioni a Pasqua e cibi tradizionali gallesi

Pasqua in Galles












Oggi il nostro viaggio che riguarda le tradizioni a Pasqua ci condurrà nella mistica terra del Galles, terra del leggendario Artù. Il Galles come altri paesi nordici ha mantenuto nel corso dei millenni traduzioni celtiche e pagane. Anche  il periodo di Pasqua affonda le proprie radici prima del Cristianesimo. 

Good Friday (Venerdì Santo) -  Il Venerdì Santo in Gallese è chiamato Dydd Gwener y Groglith: in molte località di villeggiatura non è raro trovare gli esercizi commerciali chiusi per il ponte pasquale. Le strade sono tenute sgombre per facilitare il passaggio dei fedeli che a piedi nudi assistono alle funzioni religiose. A Tenby, cittadina balneare che si trova nel Galles sud - occidentale è usanza costruire con delle canne un effige che rappresenta il letto di Cristo e fissarla con una croce di legno.

Easter Sunday (Sul y Blodau) - La domenica di Pasqua è tradizione andare in cimitero e abbellire le tombe dei propri cari che diventano un'esplosione di colori grazie a una serie di fiori primaverili, tra cui i narcisi.

Easter Monday – Llun y Pasg - In base a una tradizione secolare, il giorno di Pasquetta i gallesi amano fare trekking nella montagna più vicina e aspettare il nascere di un nuovo giorno contemplando la resurrezione di Cristo.

Cibi tradizionali a Pasqua in Galles

Hot Cross Buns: Sono dei piccoli panini con un tocco fruttato e speziati, serviti tostati, o molto caldi con in mezzo del burro. La tradizione vuole che vengano serviti e mangiati il Venerdì Santo, anche se qualcuno asserisce il Giovedì Santo. Nonostante questo, il Venerdì sembra molto più probabile in quanto in epoca elisabettiana era concesso vendere gli hot cross buns solamente il venerdì di passione, Natale o ai funerali. La croce sopra i panini è di origine pagana è potrebbe rappresentare i 4/4 della luna.


venerdì 25 marzo 2016

Tradizioni culinarie di Pasqua in Serbia



Più volte il blog si è occupato di andare alla scoperta di tradizioni pasquali in giro per il mondo, oggi vederemo come si festeggia la Pasqua in Serbia e quali sono i piatti tipici che i serbi preparano in concomitanza di questa festa religiosa.

Sappiamo che in Serbia si festeggia la Pasqua Ortodossa e non quella Cristiana e quest'anno verrà celebrata il 1 maggio 2016. Anche per il rito Ortodosso, come quello cristiano la Pasqua è una festa mobile. La Quaresima dura 46 giorni e non 40 poiché vengono comprese anche le domeniche. Oltre alla carne, i serbi per tutti il tempo quaresimale dovrebbero astenersi di mangiare latticini, uova e derivati.

Domenica di Pasqua in Serbia

Dopo un periodo di digiuno, Pasqua è un momento di grande gioia culinaria per la popolazione serba, il pranzo pasquale infatti è protagonista di succulenti piatti e grandi quantità di cibo. Prima però le famiglie si recano alle funzioni religiose con dei cestini di uova colorate che verranno benedette dal parroco. Di solito, il colore predominante è il rosso che ritrae il sangue di Cristo versato per noi uomini, ma anche la rinascita e la gioia.

Tradizioni culinarie pasquali serbe

Una Pasqua serba non sarebbe tale senza un pranzo con salsicce (ajvar), salumi, peperoni arrosto e formaggi (Kajmak) e il pane tipico chiamato pogacha. Ma il vero top è l'agnello alla brace, la tradizione vuole che questo tipo di carne venga mangiato con le mani per assaporare meglio tutta la cottura. Ma ancora, nel pranzo pasquale potrete trovare: 

  • Sarma: cavoli ripieni.
  • Cevapcici: salsiccia fatta di agnello o carne di manzo e di maiale
  • Kajmak Recipe: formaggio fresco, non affinato che si mangia spalmato sul Pogacha, 
  • Burek Recipe: torta ripiena di formaggio o di carne può essere mangiato come piatto principale o tagliato a spicchi, come antipasto al tavolo del buffet di Pasqua
  • Chorba od Janjetina - Brodo vegetale e zuppa d'agnello;
  • Sarma Recipe: Involtini di cavoli
  • Pane 
Per chi è interessato a provare a cucinare queste prelibatezze, vi lascio il link dove potrete visionare tutte le ricette: http://easteuropeanfood.about.com/



Sarma








Kajmak Recipe







Burek Recipe












Chorba od Janjetina









Sarma Recipe

(https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Serbian_Sarma.jpg

mercoledì 23 marzo 2016

Pasqua Ortodossa: 5 cose da sapere



A pochi giorni dalla Pasqua vediamo cinque cose da conoscere sulle tradizioni pasquali Ortodosse. Qualche tempo fa, Papa Francesco indicò la possibilità di voler dare una data fissa alla Pasqua cristiana e quella Ortodossa, poiché come sappiamo, anche nel calendario ortodosso la celebrazione della Pasqua è una festività mobile, nonché il periodo più importante dal punto di vista liturgico. 

 A differenza dei cristiani, il loro mercoledì delle ceneri viene chiamato 'Clean Monda', la Quaresima inizia proprio di lunedì, successivamente verranno celebrate i riti della Domenica delle Palme, quelli della Settimana Santa e della Domenica di Pasqua o Pascha. La vigilia di Pasqua è un momento importante per i fedeli ortodossi che si riuniscono in veglia di preghiera per tutta la notte. Poi la mattina, vi è la celebrazione alla comunione che apre ufficialmente all'anno liturgico Ortodosso.

5 cose da sapere sulla Pasqua Ortodossa

1 - Quest'anno la Pasqua Ortodossa si celebra domenica 1 maggio, poiché come quella cristiana è una festività mobile.

2 -  I fedeli ortodossi da Pasqua in poi si salutano con la frase: "Cristo è risorto!" La risposta è: "In verità, Egli è risorto!"

3 -  Inno Ortodosso -  'Christos Anesti' (in greco) è il canto di un tradizionale inno pasquale ortodosso cantato durante le celebrazioni di Pasqua.

4 - Uova di Pasqua rosse - Nella tradizione ortodossa, le uova simboleggiano l'avvento di nuova vita. Gli ortodossi a Pasqua tingono le uova di rosso per rappresentare il sangue di Gesù che è stato versato sulla croce per la redenzione di tutti gli uomini.

5 -  Cibo pasquale grego ortodosso - Il piatto tradizionale greco per Pasqua presenta il buonissimo Tsoureki Paschalino, una sorta di pane dolce lievitato e aromatizzato con arancia e spezie chiamate Mahlab.

venerdì 3 aprile 2015

Auguri Pasqua 2015: il meglio per WhatsApp, immagini per Facebook



Tra meno di due giorni è Pasqua 2015: c'è da scommettere che anche questa ricorrenza diventerà sempre più virtuale. Nel senso che molte persone utilizzeranno WhatsApp signore della messaggistica istantanea per augurare una serena Pasqua ai loro contatti. Certo un modo abbastanza freddo, ma purtroppo bisogna stare al passo con i tempi. Ecco perché c'è sempre Facebook per dire Happy Easter oltre che all'invio delle simpatica e-card da spedire via posta elettronica. Di seguito alcuni link da dove prendere spunto per augurare una buona Pasqua 2015.

Pasqua 2015: le migliori frasi per WhatsApp

Sicuramente con WhatsApp l'augurio deve essere meno formale possibile, anzi non guasta avere un tocco d'ironia. Tra i siti carichi di massime pasquali vi suggerisco controcampus/auguribuonapasqua2015.  In alternativa c'è webmaterpoint.org. Tra i migliori vi segnalo auguripasqua.com. C'è davvero da sbizzarrirsi:

  • La Pasqua più allegra per il pulcino più divertente.
  • Un mare di... uova ed una pioggia di auguri. Buona Pasqua
Pasqua 2015: le migliori immagini da condividere su Facebook

L'immagine ha sempre più importanza anche su Internet specialmente nei social network. Quindi il metodo migliore per condividere una foto a tema pasquale è quella di utilizzare dei siti dove possiamo scaricare le immagini e riutilizzarle anche per uso commerciale.  Ho pensato proprio a tutto leggi questo articolo interessante: I 15 migliori siti dove scaricare foto senza copyright. L'unica cosa che devi fare è quella di scrivere nel motore di ricerca Easter o Pasqua. Qua non posso farlo per te :)

mercoledì 1 aprile 2015

Uovo di Pasqua fatto in casa

Uovo di Pasqua fatto in casa



Il simbolo delle festività pasquali è senza dubbio l'uovo di Pasqua. Se la tradizione dell'uovo di cioccolato risale a tempi recenti, quella di donare uova vere, decorate o dorate, ha origini molto antiche.
La nascita della tradizione delle uova
Già molti secoli a.c. le uova simboleggiavano la vita, la fecondità e il risveglio della natura. Per molte delle religioni pagane del passato, le uova rappresentavano la vittoria della vita e il cielo e il pianeta costituivano due emisferi che andavano a formare un unico uovo; gli antichi Egizi, inoltre, ritenevano l'uovo come il fulcro dei quattro elementi dell'universo (acqua, aria, terra e fuoco).
Con la nascita del cristianesimo nacque invece la tradizione di donare le uova: tra i Persiani, seguiti poi dagli Egizi, i Greci e i Cinesi, era diffuso lo scambio di uova di gallina all'avvento della stagione primaverile. Nel Medioevo questa usanza divenne sinonimi di regalo alla servitù e, conseguentemente, essa si fuse ai dettami del Cristianesimo, divenendo il simbolo della rinascita dell'Uomo e di Cristo.
La diffusione dell'uovo come regalo pasquale sorse presumibilmente in Germania, affiancandosi agli altri doni tradizionali. In tempi più recenti l'emblema pasquale per eccellenza è divenuto L'uovo di Pasqua di cioccolato. La preparazione delle uova di Pasqua ha inizio circa un mese prima del giorno di Pasqua, come accade anche per l'albero di Natale nel periodo natalizio. La produzione delle uova di cioccolato, in Italia, è solitamente affidata a grandi ditte dolciarie, e durante le feste si è solito “trasgredire” soprattutto al centro Italia, accompagnando il cioccolato con alimenti salati, come la pizza di pasqua, o affettati e altri prodotti tipici toscani, umbri e marchigiani.
Prova la ricetta per preparare un uovo di Pasqua con le tue mani

Ingredienti

·     1 kg di cioccolato fondente;
·     1 stampo di metallo.

Preparazione dell'uovo di cioccolato

Lavare lo stampo con un sapone che non rilasci odori, perché il cioccolato assorbe facilmente qualsiasi profumo, e sciacquarlo con grande attenzione. Asciugarlo con uno strofinaccio e rimuovere qualsiasi traccia di umidità con un batuffolo di cotone, per evitare che ogni residuo di umidità o di grasso crei delle macchie opache, rendendo così il cioccolato difficile da staccare dallo stampo.
È inoltre fondamentale che, al momento dell'uso, gli stampi siano perfettamente asciutti e che vadano adoperati a una temperatura che varia dai 20 gradi ai 25 a seconda della tipologia di stampo.
Successivamente fare sciogliere a bagnomaria il cioccolato, mescolando bene, in modo tale da non formare grumi, lasciando la crema liscia e omogenea. Versare la crema ottenuta nelle due metà dello stampo fino a raggiungere il bordo; distribuire uniformemente ruotando lo stampo e facendo in modo che il cioccolato ricopra perfettamente tutta la superficie.


Quando il cioccolato si sarà raffreddato, bisognerà staccare le due metà dell'uovo dallo stampo. È possibile infine applicare sull'uovo decorazioni di zucchero, attaccandole con delle gocce di cioccolato o acquistandole già pronte. Per decorare l'uovo, è anche possibile, ad esempio, sciogliere dell’altro cioccolato, versarlo in un piccolo cono di carta con un piccolo buco all’estremo più stretto e disegnare ricami, ghirigori, spirali o scrivere "Buona Pasqua" ecc.
L'uovo va ovviamente riempito con la sorpresa e conseguentemente vanno unite le due metà, passando sui bordi una spatola riscaldata ed esercitando una lieve pressione.

giovedì 26 marzo 2015

Come si festeggia Pasqua in Islanda



Pasqua in islandese si dice Pàskar: una festività che comprende cinque giorni dal Giovedì Santo a Lunedì di Pasquetta. Scuole e uffici sono chiusi, rimangono aperti solo per il giovedì alcuni negozi di generi alimentari. Ma vediamo nel dettaglio come si festeggia la Pasqua in Islanda

Come vivono la Pasqua i vichinghi


  • La maggior parte degli islandesi è atea solo alcuni frequenta regolarmente una funzione religiosa. Quindi è abbastanza strano vedere quasi tutti i negozi a partire dal giovedì santo sbarrati con l'insegna '' chiuso per ferie'', a parte qualche negozio di genere alimentare, non si sa mai dovesse arrivare una tempesta di neve e la genta ha bisogno di fare scorta di cibo.
  •   Turista per scelta -  Molte famiglie per il periodo pasquale decidono di fare una vacanza fuori porta, possibilmente della durata di tutto il tempo di Pasqua. Chi addirittura preferisce un viaggio all'estero, altri partano in direzione festival musicale nella città di Ísafjörður. Così la capitale diventa una città fantasma. Se passate a Reykjavik proprio nel periodo di Pasqua è non volete girarvi i pollici tutto il tempo provate a consultare il sito turistico della capitalec: http://visitreykjavik.is/what-to-do
  • Deliziose uova di Pasqua decorate - Chi l'ha detto che il cioccolato più buono è solo svizzero, gli islandesi sanno il fatto loro. Ad esempio le uova di Pasqua dell'isola di ghiaccio (Páskegg) sono incredibilmente buone: decorate con disegni che inneggiano la bella stagione: pulcini, fiori è l'uovo intero ornato da un arcobaleno con diversi dolci. Ci sono anche delle parole incomprensibili per gli stranieri (inutile tradurle in inglese). Se vi viene voglia di mangiare un uovo di Pasqua islandese ecco il link dove poterlo ordinare.
  • Pigrizia -  Per quasi la totalità degli islandesi Pasqua vuol dire solo una cosa '' pigrizia allo stato puro. L'unico movimento consentito è quello della mano mentre prende un altro pezzo di cioccolato, dopo si beve per digerire una quantità esorbitante di coca cola, circa 2,5 litri a testa. Già perché gli amici islandesi oltre a essere dei vichinghi sono anche tra i maggiori consumatori europei di coca cola.

mercoledì 18 marzo 2015

Come calcolare la data della Pasqua cristiana, quando cade nel 2016?

Da bambini ci hanno insegnato al catechismo che la Pasqua è il giorno in cui Gesù risorge, e conosciamo che è una domenica. Quello che invece molte persone si chiedono: come viene calcolata la data precisa. La Pasqua è una festività mobile è cambia di anno in anno.
Come calcolare la data della Pasqua cristiana
Due sono gli elementi fondamentali per determinare in quale domenica cade
  • Il ciclo lunare,
  • L'equinozio di primavera.
Per quanto riguarda il suo calcolo, la regola venne fissata al Concilio di Nicea nel 325 d.c: la Pasqua cristiana cade la domenica seguente alla prima luna piena, dopo l'equinozio di primavera (21 marzo). Pertanto come festa mobile è compresa tra il 22 marzo e il 25 aprile. Ipotizzando che il primo plenilunio primaverile si verifichi il 21 marzo di sabato, Pasqua sarà il giorno successivo: domenica 22 marzo. Nel 2015 la prima luna piena, dopo l'avvento della primavera è sabato 4 aprile, perciò: Pasqua 2015 sarà il 5 aprile. Nel 2016 ancora prima: domenica 27 marzo.
Pasqua bassa, media o alta
La Pasqua può cadere in tre differenti periodi:
  • Tra il 22 marzo e il 2 aprile (Pasqua bassa)
  • Tra il 3 aprile e il 13 aprile (Pasqua media)
  • Tra il 14 aprile e il 25 aprile (Pasqua alta)
Da queste date è possibile calcolare anche:
  • Il mercoledì delle Ceneri (47 giorni prima della Pasqua). Di conseguenza anche l'ultima domenica e martedì di carnevale;
  • Pentecoste 50 giorni dopo (Pasqua inclusa).
Nel caso il primo plenilunio di primavera si verifichi il 20 marzo, dovremmo aspettare la successiva luna piena (dopo 29 giorni), il 18 aprile. Qualora il 18 risultasse di domenica, Pasqua in base alla regola: cadrà il 25 di aprile. La condizione migliore per gli studenti e lavoratori, è quando tale festività, si verifichi il 20 - 23 aprile. In modo che potranno beneficiare di un ponte lungo con la Pasquetta, assieme alla festa della Liberazione, il 25 aprile.
La Pasqua cristiana si differenzia da quella ebraica per alcuni motivi:
  1. Viene sempre celebrata di domenica, giorno in cui Gesù è risorto. La Pasqua ebraica invece di sabato.
  2. Non viene utilizzato il calendario ebraico.
  3. La Pasqua ebraica ricorda la liberazione del popolo per mano di Mosé, dopo 430 anni di schiavitù in Egitto.

venerdì 18 aprile 2014

Tradizioni Pasquali in Svezia

Dopo aver visto le tradizioni pasquali della Scandinavia di:Danimarca, Norvegia, Finlandia, oggi parleremo di quelle della Svezia, che come gli altri paesi del nord, la Pasqua è vissuta più a livello sociale di natura che religioso.


Tradizioni Pasquali in Svezia

Pasqua Pask in svedese è il primo weekend lungo di primavera  per gli svedesi, e per molti significa andare in vacanza fuori città. Un'occasione per riunire il maggior numero di familiari possibile da tutto il paese.  In questo periodo i bambini si travestono da streghette con lunghe gonne, foulard colorati e le guance dipinte di rosso, vanno di casa in casa nel quartiere a regalare ai vicini  disegni, per avere qualche dolce in cambio. Secondo il folklore svedese, durante la Pasqua le streghe volano Blåkulla (Blue Mountain) per incontrare il diavolo. Le case sono addobbate con piccoli rami e ramoscelli di salice o di betulla.

Festa laica o pagana

La Pasqua è per lo più una festa religiosa per molti paesi, ma questo non è qualcosa che preoccupa gli svedesi. Mangiano le uova perché l'hanno sempre fatto - non perché hanno finito di  completare un digiuno. L'unico simbolo che vuole ricordare la passione di Cristo sono i ramoscelli di betulla. Anche in Svezia l'uovo di Pasqua ha una lunga storia. Già si parla di  uova colorate al tempo dei vichinghi e di Gotland, uova dipinte di rosso e giallo per rappresentare l'alba e il tramonto. 


Dai dolci al salmone

Il pranzo tradizionale di Pasqua svedese  è  costituito da diverse varietà di aringhe marinate, salmone, patate, cipolla e acciughe in salamoia al forno in crema. La tavola è spesso allestita come un buffet tradizionale (o smörgåsbord come è scritto in svedese). Le grappe aromatizzate sono un'altra caratteristica della tavola di Pasqua svedese. A cena, la gente mangia agnello arrosto con gratin di patate e asparagi, o qualche altro contorno.

Le tradizioni di Pasqua in Danimarca

Pasqua è una festa importante in Danimarca che simboleggia per i danesi l'arrivo della primavera, dopo il lungo inverno scandinavo. Nonostante è un paese prevalentemente laico, la Pasqua è molto attesa da tutta la popolazione. 

Le tradizioni di Pasqua in Danimarca

Per l'occasione case e negozi vengono decorate con colori primaverili quali: il verde e il giallo. La Pasqua in Danimarca è  Påske, che deriva dall'ebraico Prsach. Le vacanze pasquali durano diversi giorni. I negozi danesi e le aziende sono chiuse per Skærtorsdag (Giovedi Santo), Langfredag ​​(Venerdì Santo) e il lunedì dopo la Domenica di Pasqua, conosciuto come Anden Påskedag. Le scuole sono in genere chiuse per tutta la settimana precedente la Pasqua.  I negozi riaprono il sabato per le persone che hanno bisogno degli ultimi acquisti.

Pasqua in Danimarca - Birra, narcisi, uova e  lettere misteriose

Circa un mese prima di Pasqua nei pub si può trovare una birra speciale Påskeøl. In questo periodo la birra danese è in offerta nei supermarket: Carlsberg o Tuborg, ma recentemente molti microbirrifici hanno iniziato a produrre la propria  birra speciale di Pasqua, offrendo ai danesi una buona scelta.

Un'altra tradizione di Pasqua in Danimarca è l'invio di "gækkebrev"  "lettere rompicapo" Queste lettere vengono spedite verso metà febbraio, di solito contengono delle poesie o versi decorati. Le lettere sono anonime. L'oggetto della lettera è ''Indovina chi l'ha inviata''. Si il destinatario indovina il mittente quest'ultimo regalerà un uovo di Pasqua.

Naturalmente immancabile il ricco pranzo pasquale: agnello, pesce, aringhe in salamoia, formaggi e salumi, la sempre presente birra e un liquore scandinavo. Il pasto è seguito da dolci e torte e dolci, e le uova di Pasqua. La tavola  è decorata con narcisi e altri simboli pasquali.

Le chiese sono aperte per la Pasqua e registrano più visite rispetto il resto dell'anno. Ma pur sempre i danesi sono apatici al lato prettamente cristiano.

Perché gli inglesi e americani chiamano Venerdì Santo Good Friday?

Come è scritto senza tradurlo di primo acchito Good Friday sembrerebbe buon venerdì, eppure Good Friday in inglese  letteralmente significa Venerdì Santo. Ma la domanda continua a essere lecita: tutti conosco che in questo giorno  Gesù Cristo fu crocifisso, ma per gli anglofoni è chiamato buono! Good Friday nel gergo letterale si potrebbe definire ''false friend'' parole che sembrano quelle che non sono.



Perché gli inglesi e americani chiamano Venerdì Santo Good Friday?

Risposta: La catechesi di Baltimora ha dichiarato che il Venerdì Santo viene chiamato bene (good), perché Cristo, con la sua morte, "ha mostrato il suo grande amore per l'uomo. Bene, in questo senso, significa" Santo ", e in effetti il Venerdì Santo è conosciuto come una ricorrenza Santa e importante  tra i cristiani d'Oriente, sia cattolici che ortodossi. Good Friday è anche il Venerdì Santo nelle lingue romanze.

In definitiva la risposta data dalla catechesi di Baltimora appare una buona spiegazione, tranne per il fatto che il Venerdì Santo viene chiamato buono solo in inglese. L'enciclopedia cattolica ha scritto ''L'origine del termine Bene non è chiaro. Alcuni dicono che nasce dal "Venerdì di Dio" (Gottes Freitag); altri sostengono che è dal tedesco Gute Freitag, quindi non di origine inglese. Gli anglo - sassoni chiamavano la giornata del Venerdì Santo come Long Friday ancora presente in Danimarca.

Eppure se il Venerdì Santo è stato chiamato good friday dagli inglesi, come sappiamo molte  delle loro parole  derivano dal tedesco o sassone, quindi Gottes Freitag, allora sarebbe scontata l'ipotesi che Gute Freitag in Germania rappresenta questo giorno, ma non lo è. Venerdì Santo in Germania è  Karfreitag- che vuol dire, Addolorato o sofferenza. In definitiva la spiegazione data dalla catechesi di Baltimora appare la più esauriente:  il Venerdì Santo è chiamato Good Friday  ''un bene'' perché la morte e il sacrificio di Cristo è diventata risurrezione alla Domenica di Pasqua,  portando una nuova vita e speranza all'umanità. Praticamente facendo due conti  questa cosa  già la conoscevamo andando al catechismo da bambini.

giovedì 17 aprile 2014

Tradizioni di Pasqua in Germania

Tradizioni Pasqua in GermaniaIn Germania Pasqua viene indicata con il termine Eostre, che già abbiamo trovato per quella irlandese e britannica, culture sopratutto quella inglese influenzata dai tedeschi ( anglosassoni) alla fine dell'Impero Romano. La Pasqua in Germania continua ad avere sfaccettature pagane. Eostre simboleggia l'inizio della primavera.





Tradizioni di Pasqua in Germania

Qualche settimana prima della Pasqua i tedeschi abbelliscono le proprie abitazioni con fiori, alberi di Pasqua con decorazioni di uova colorate. In Germania; i colori vivaci e lucenti rappresentano la luce del sole e una nuova vita o meglio, una stagione dove torna a splendere il sole.







Uova colorate e coniglietti di cioccolato 

A parte l'uovo di Pasqua il coniglio di cioccolato è il simbolo principale della Pasqua in Germania. Il coniglietto in uno scritto del XVI° secolo si apprende che rappresentava la fertilità!  Due secoli più tardi il bunny fu i importato in America dai coloni olandesi in Pennsylvania, che lo chiamarono "Oschter Haws" ("lepre pasquale").  Il primo coniglietto di cioccolato fu prodotto sempre in Germania nel 1800.

Vacanze di Pasqua in Germania

Se ti trovi per le vacanze pasquali in Germania devi sapere, che i tedeschi amano fare un lungo weekend che inizia dal venerdì santo sino alla Pasquetta. Molti esercizi rimangono chiusi: banche, uffici, negozi. Il trasporto urbano è limitato. Le scuole per le vacanze di Pasqua  rimangono chiuse di solito due settimane. Molti tedeschi si mettono in viaggio in questi giorni in direzione isola di Sylt. Alberghi, musei, e treni potrebbero essere affollati, Meglio prenotare  in anticipo.

Pasqua in Germania


Hai deciso di trascorrere la Pasqua in Germania? Ricordati di imparare una frase 'Frohe Ostern Buona Pasqua.'







Venerdì santo 

Il weekend pasquale inizia in Germania, con una tranquillo Venerdì Santo (Karfreitag). Per il tradizionale pranzo del Venerdì Santo molte famiglie tedesche mangiano pesci.

Sabato Santo
In questo giorno visita obbligata per i turisti  al mercatino pasquale tedesco della città o paese. In qualche bancarella potrai acquistare delle uova di cioccolato artigianali simbolo della grande tradizione tedesca. Oppure una torta dolce a forma di agnello creata dai maestri del pane. La sera specialmente al nord le persone accendono dei falò per scacciare gli spiriti oscuri dell'inverno, e accogliere la mite stagione.

Domenica di Pasqua
La domenica di Pasqua è il momento clou del fine settimana di vacanza. La mattina presto, i genitori nascondono i cestini pieni, di colorate uova sode, coniglietti di cioccolato, dolci e piccoli doni per i bambini. Molte famiglie si recano in chiesa per assistere al concerto pasquale. In seguito, il pranzo tradizionale di Pasqua, agnello, patate e verdure fresche

lunedì 14 aprile 2014

Le tradizioni di Pasqua in Irlanda

Pasqua è la ricorrenza più importante nel calendario cattolico romano - il cattolicesimo è la religione dominante in Irlanda. La Pasqua  e molte tradizioni annesse sono importanti per tradizione agli irlandesi. Benché la Pasqua non sembra essere collegata con vecchie usanze  celtiche  (a differenza del Natale e Halloween), in Irlanda viene associata alle feste di primavera che fanno riferimento al calendario agricolo.

Le tradizioni di  Pasqua in Irlanda

Pasqua (la parola deriva dall'inglese antico "Eostre", che può essere riferita alla dea pagana Ostara. Per i cattolici irlandesi la Pasqua sancisce la fine della Quaresima.

Credenze di Pasqua religiose e popolari irlandesi :

Venerdì Santo ( Good Friday ) 

  1. Pulizia della casa  ( o di primavera), perché a volte  il parroco del paese viene a benedire la casa. 
  2. Piantare alcuni sementi che proteggeranno la famiglia.
  3.  Bere l'acqua dal pozzo sacro che ha poteri curativi proprio in questo giorno. 
  4. Se un bambino nasce il giorno del Venerdì Santo e viene battezzato la domenica di Pasqua per gli irlandesi quel bimbo da grande guarirà le persone.
  5. Chiunque muore il Venerdì Santo andrà direttamente in cielo.
  6. Lasciare una offerta per visitare i cari al cimitero
  7. In questo giorno nessuno esce in barca a pescare
  8. Tagliarsi i capelli
Vigilia di Pasqua:
  • La comunità partecipa alla veglia pasquale per avere l'acqua benedetta. Bere tre sorsi  e tavolta cospargerla anche sul bestiame.
  • La chiesa è decorata di viola, alle 11 si spengono le luci e verrà acceso un cero pasquale per simboleggiare che Cristo sta  risorgendo dai morti.







Domenica di Pasqua

La Domenica di Pasqua nella maggior parte delle case degli irlandesi si riuniscono per partecipare alla funzione religiosa. Ma in questo giorno le ragazze sfoggiano nuovi vestiti, di solito tra i capelli. indossano dei nastri verdi. In genere il vestito è giallo e le scarpe bianche. Questi colori simboleggiano: la purezza e un nuovo inizio nella propria vita. Dopo la messa inizia il tradizionale pranzo pasquale: con arrosto di agnello, prosciutto, accompagnato da generose porzioni di patate, verdura, e ripieno pane con burro.  Come sempre non possono mancare le uova di Pasqua da regalare ai bambini.


Simboli pasquali irlandesi

Tra i simboli pasquali della verde terra d'Irlanda ricordiamo:
  • I fiori di primavera e le uova  anche i pulcini sono tra i principali simboli irlandesi a Pasqua,
  •  Immancabile il coniglietto di tradizione anglo -sassone.
  • Gli irlandesi amano fare gli auguri con cartoline decorate e facsimili di cioccolato
Eventi sportivi a Pasqua in Irlanda

Sopratutto in Irlanda del Nord nella regione del Leinster c'è il Festival Fairyhouse, una delle corse di cavalli più prestigiose dell'anno.

Come si festeggia la Pasqua in Lettonia e Lituania

Due nazioni accomunate per aver realizzato il sogno di diventare  indipendenti dall'ex Unione Sovietica, paesi vicini, ma con sostanziali differenze di cultura e usanze. Vediamo: Come si festeggia la Pasqua in Lettonia e Lituania.





Tradizioni pasquali in Lettonia

La Pasqua (Lieldienas
in) in Lettonia è caratterizzata  di tradizioni pagane. Anche in questa nazione come in altri  paesi visti nei precedenti articoli, il periodo pasquale diventa il simbolo cardine della primavera e di una nuova vita! Al giorno d'oggi alcuni aspetti del cristianesimo hanno condizionato le usanze dei lettono, ma il paganesimo continua ad avere un grande fascino. Una tradizione locale vuole di alzarsi presto il giorno di Pasqua in quanto regalerà salute e felicità tutto l'anno.

Uova colorate 

Davvero singolare  il modo di colorare le uova di Pasqua da parte di questo popolo. I lettoni usano una grande quantità di bucce di cipolla immerse  nell'olio assieme alle uova. In poco tempo l'uovo diverrà di colore giallo chiaro. Più a lungo l'uova e la cipolla verranno tenute e immerse nell'olio più l'uovo assumerà la colorazione marrone.

Canti tradizionali pasquali

A Pasqua nelle strade in Lettonia non è raro ascoltare gruppi folk lettoni cantare canzoni tradizionali denominate "dainas" I testi menzionano di uova d'oro o d'argento. C'è la convinzione che in tempi passati i  maghi coloravano le uova di Pasqua con dentro un incantesimo, per poi metterle sotto un cavallo.

Cosa fare a Pasqua in Lettonia 

Se ti trovi a Pasqua in Lettonia ricordati la domenica di mangiare uova che simboleggiano la vita. Se ne mangi un sacco avrai fortuna e buona salute sino a Natale. I cibi a tavola devono essere di  tutti i tipi e di color. Perciò una tavola bandita a Pasqua in Lettonia vedrete una varietà di cibi dai colori differenti: verde, rosso, arancio e giallo.

Nel prossimo post vederemo le usanze pasquali in Lituania

domenica 13 aprile 2014

La Pasqua in Finlandia e le sue tradizioni

A una settimana esatta dalla Pasqua oggi vediamo La  Pasqua in Finlandia e le sue tradizioni. Prima di iniziare devo dire che mi ha davvero sorpreso leggere per esempio che la Domenica della Palme per i finlandesi è una sorta di Halloween.





Come festeggiano i finlandesi la Pasqua 

Pasqua in finlandese è  'Pääsiäinen' Le tradizioni pasquali in Finlandia sono in parte cristiane e pagane. Troviamo molte similitudini in Finlandia con la chiesa Ortodossa e molti cibi pasquali sono originari dalla Russia. Per chi ha intenzione di fare un viaggio in Finlandia in questo periodo, deve tenere a mente che molti negozi, uffici, banche sono chiuse dal Venerdì Santo sino alla Pasquetta.
Pasqua dal lato prettamente pagano è il simbolo di una nuova stagione, segna  l'arrivo della primavera ... anche se nel lontano nord, marzo e aprile fanno parte  sicuramente dei mesi invernali! 

Come abbiamo detto la Pasqua è al centro di una serie di feste per celebrare la primavera. Sette settimane prima di Pasqua, Mardi Gras, o Laskiainen in finlandese, segna l'inizio dei cattolici e ortodossi alla Quaresima. Per quanto concerne la tradizione culinaria i finlandesi mangiano zuppa di piselli, frittelle e panini ripieni di panna, marmellata o pasta di mandorle. Dalla cultura ortodossa hanno adottato l'usanza di cucinare frittelle di grano saraceno.

Domenica delle Palme in Finlandia 

Per la  Domenica delle Palme i bambini  vanno in giro e si travestono da streghette e folletti con di rami di salice decorati con piume colorate e carta crespa,  girano il quartiere e bussano alle porte dei vicini cui recitano una vecchia poesia che promette  salute e giovinezza per il prossimo anno. Chi apre la porta avrà  uno dei rami di salice decorati.  I vicini come ricompensa regalano uova di cioccolato o altri dolci stagionali. 
Questa tradizione, è chiamata virpominen o Vivanta,  in parte è influenzata dalla tradizione cristiana che ricorda l'arrivo di Gesù a Gerusalemme.


Venerdì santo in Finlandia 

Di solito in questo giorno i finlandesi preferiscono trascorrere del tempo in casa le proprie famiglie. Una tradizione pagana vuole che il venerdì e sabato gli spiriti maligni si nascondano nei boschi. Le streghe  volano a cavallo di una scopa in  una montagna chiamata Kyöpelivuori nella notte di sabato. In alcune parti della Finlandia, in particolare nella regione dell'Ostrobothnia,  la sera vengono accesi dei falò per allontanare le streghe. 




Domenica di Pasqua in Finlandia

L'evento principale per i bambini è quello della caccia alle uova di Pasqua. In Finlandia  non si usa regalare il   coniglietto famoso in Inghilterra  ma un gallo. Le uova di solito sono nascoste in giro per casa o sotto il letto. È quasi impensabile che queste possano essere in giardino, poiché gran parte del paese è ancora coperto dalla neve.

 Come le uova di cioccolato, i finlandesi mangiano uova sode la Domenica di Pasqua,  le uova  di solito vengono dipinte con colori ad acqua o con l'aggiunta di bucce di cipolla bollite. Tra le altre pietanze pasquali troviamo: pasha, un dolce e dessert di  origine russa, e il mämmi, un dolce con farina di segale, malto di segale in polvere.

mercoledì 9 aprile 2014

Come si festeggia la Pasqua in Norvegia

Oggi vediamo come si festeggia la Pasqua in Norvegia, un'altro paese tradizionalmente più pagano che cristiano, ma che ama gioire di questa festa.





PåskePasqua in norvegese si dice 'Påske'. Anche in Norvegia come in altri paesi la festa è celebrata da colori accesi, e vacanze più lunghe rispetto ad altre nazioni europee. Le vacanze di Pasqua iniziano il Mercoledì pomeriggio, e terminano il martedì dopo la Pasquetta.

Tradizioni pasquali norvegesi - Pasqua in Norvegia è un momento di rinnovamento. La primavera bussa alle porte, il sole non è più una chimera. Tutto traspira di nuova vita che si mescola nel paesaggio, le case sono decorate con colori estivi e accesi. In questo periodo dell'anno segna la fine del lungo inverno.

Tra le caratteristiche che riassumo meglio la Pasqua in Norvegia troviamo:


  • Simboli pasquali norvegesi - Il pollo e le uova di cioccolato sono tra i simboli più importanti per un norvegese in questa ricorrenza. L'uovo rappresenta la rinascita, e il pollo è  un simbolo di fertilità prime dei tempi dei vichinghi. Il giallo è il colore pasquale tradizionale della Norvegia, anche il verde è importante in quanto esprime la nuova vita e crescita dei prodotti agricoli.
  •  Carnival – Karneval  - Il Carnevale è uno degli eventi pasquali in Norvegia, si chiama fastelaven, 'vigilia del digiuno'. È una festa per i bambini che si vestono con costumi e maschere nelle scuole e negli asili. Nella vecchia tradizione cattolica in Norvegia, prima della riforma, il carnevale era l'ultima festa prima della Quaresima ( come da noi)
   -  Fastelavnsboller -  Sono dei dolci tipici norvegesi a Pasqua con burro e zucchero. Oggi tuttavia è più facile trovare  ciambelle ricoperte di zucchero

  - The Norske sanitetsforening - Fondata nel 1896 è un'associazione umanitaria di sole donne che per il tempo pasquale vendono ramoscelli di betulla con delle piume attaccate per  per raccogliere fondi.


  • Domenica della Palme - Palmesondag - L'ingresso di Cristo a Gerusalemme, in Norvegia invece viene festeggiato con i rametti di betulla e non di palme. Questi ramoscelli sono tipici per le decorazioni pasquali - assieme alle uova dipinte. È un momento di festa per le famiglie norvegesi che iniziano a decorare le loro case per la Pasqua. Tovaglie, guanti da forno e arazzi, tutti oggetti pasquali  sono disposti intorno alla casa.

- Artigianato pasquale - L'artigianato di Pasqua in Norvegia prevede pittura e decorazione delle uova, cesti e schede colorate di carta e cucito. Le candele gialle sono molto popolari ,e quindi anche i  fiori appariranno del medesimo colore, come narcisi e tulipani. 

  • Mercoledì prima di Pasqua - Mercoledì è l'ultimo giorno di lavoro e alcuni negozi e aziende chiudono presto. Di solito c'è una corsa frenetica per i negozi, specialmente quelli di liquori locali. Molte persone vanno in vacanza in  montagna a Pasqua (påskefjellet). In questo periodo dell'anno si può trovare in montagna ancora  un sacco di neve e giornate soleggiate,  perfette per gli sport invernali. Alla TV è tradizione per Pasqua trasmettere mini serie poliziesche e quiz televisivi.

  •   Sami Easter festival -   Durante il lungo weekend di Pasqua in Norvegia settentrionale, si tiene l'annuale Sami Festival di Pasqua. Il festival è una vetrina di vita dei Sami e comprende il Sami Music Festival, e il campionato del mondo della corsa con le Renne, e il Festival del Cinema di Sami.

  • Giovedì santo - Skjærtorsdag -  Skjær significa 'pulizia' e deriva dalla parola norrena 'Skira'. Le festività pasquali iniziano il Giovedì in Norvegia. Tutti i negozi e le aziende sono chiuse da questo giorno. La Chiesa celebra il sacramento e l'ultima cena di Gesù Cristo e dei suoi discepoli. 

  • Venerdì santo - Langfredag - Uno dei pochi giorni alla TV norvegese che non  trasmettono annunci pubblicitari. A Oslo nella capitale la notte del venerdì santo la chiesa organizza la korsvandring, 'la via crucis' per le strade. La processione inizia dalla Cattedrale della città e si ferma di fronte al Parlamento, Oslo courthouse, per terminare di nuovo alla cattedrale di Sant' Olav.

  •  Sabato santo - Påskeaften -  La giornata è  celebrata con attività all'aperto o in famiglia. Tradizionale è la cena del sabato santo con l'agnello cucinato a regola d'arte. In chiesa si svolge la messa di mezzanotte per accoglie la resurrezione di Cristo.

  • Domenica di Pasqua - Påskedag - I norvegesi prevedono il tempo estivo in base alla giornata di Pasqua. Se questa avrà il sole ci sarà una bella estate, se la notte prima c'è stata una gelata l'estate arriverà in ritardo. Per Pasqua per qualche ragione i norvegesi non indossano il bunad
Cibo pasquale - La colazione della domenica di Pasqua è abbondante, nella tavola si potrà trovare: salumi e soprattutto  uova - ( anche uova di pesce) sode, strapazzate, fritte.

  • Lunedì di Pasqua - Andre påskedag - È il secondo giorno di Pasqua ma si mangia di meno perché la gente pensa già a tornare a lavoro e i ragazzi a scuola.