Visualizzazione post con etichetta new york. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta new york. Mostra tutti i post

giovedì 31 dicembre 2015

Ball Drop: la tradizione a Time Square anche Capodanno 2016

Anche quest'anno a New York a Capodanno 2016 si rinnova la tradizione presso Time Square del rituale della Ball Drop: la famosa sfera luminosa di oltre 3 metri di diametro che dai suoi 23 metri scende per rallegrare e accompagnare le persone in attesa del nuovo anno. 



              Capodanno 2016: cenni storici Ball Drop


La priva volta della straordinaria sfera risale a oltre 100 anni fa nel 1907, presso la piazza di Time Square che divenne l'epicentro della vita newyorkese. Le cronache di inizio 900' ci raccontano che appena 4 anni prima, nel 1903 Time Square era chiamata Longacre Square e non aveva per niente un ruolo rilevante nella 'Grande Mela'. La sua notorietà arrivò grazie all'inaugurazione dell'edificio che ospitava il New York Time: l'editore e il miliardario Adolph Ocs riuscì a convincere l'amministrazione cittadina a ribattezzare la piazza con il nome 'Time' in onore del suo giornale, a tal proposito pensò di organizzare un pirotecnico veglione di Capodanno (sempre ai fini pubblicitari), spodestando il tradizionale festeggiamento di fine anno dei newyorkesi presso Broadway. La trovata ebbe un grande successo fino al 1906, poi la polizia vietò lo spettacolo pirotecnico. Ocs allora gli venne in mente la sensazionale trovata di mettere la Ball Drop 'la sfera luminosa' in cima al palazzo del Time.


           Ball Drop a Capodanno 2016 si festeggia la 108 esima edizione



Il 31 dicembre 2015 sarà la 108 esima volta che la palla luminosa saluterà assieme agli abitanti di New York l'arrivo del nuovo anno. Da allora, tranne il 1942 e 1943, quando le restrizioni dovute alla Seconda Guerra Mondiale, la sfera ha sempre illuminato il Capodanno della Grande Mela. Nel corso degli anni la Drop Ball cambiò illuminazione, all'inizio si trattava di una sfera di ferro e legno del peso di 300 chili, al suo interno 100 lampadine. Qualche anno più tardi, nel 1920 fu progettata solamente con il ferro, ma molto più leggera (180 chili), a metà degli anni 50' di alluminio (68 chili); negli anni 80 fu modificata per renderla come una 'grande mela', poi nel 2000 divenne una nuova sfera di cristallo completamente computerizzata. Nel 2007 in onore dei suoi primi 100 anni vennero sostituite le tradizionali lampadine con quelle a LED in grado di creare ben 16 milioni di combinazioni di luci; per Capodanno 2016 sarà ancora spettacolo, potete giurarci!

Credit foto

1) autore: Clare Wilkinson   File:Times Square ball

2) autore: Viaggio Routard  File: Under Creative Commons





lunedì 18 agosto 2014

10 curiosità su New York: topless, suicidi, occhi di Einstein e 800 lingue parlate

La Grande Mela di notte
Mi piacerebbe visitare New York almeno una volta nella vita,  non dico viverci : è troppo grande per me, per uno che ama la quiete e le passeggiate nei centri storici - ma fare un tour di 15 giorni nella Grande Mela è uno dei miei obbiettivi. Per ora mi limito a raccontare: 10 curiosità su New York, la Grande Mela che non ti aspetti. dopo aver letto il post resterai anche tu basito nel sapere che le ragazze possono passeggiare a New York in topless, oppure che il newyorkese ama morsicare i suoi simili, che nella Grande Mela si parlano ben 800 lingue.

1 - Suicidi - A New York ci sono più suicidi che omicidi

2 - Manhattan-  L'isola di Manhattan  fu acquistata dagli indiani d'America  nel 1626 per circa 1.000 dollari in valuta moderna.

3 - Mordere - Strana abitudine: in media i  newyorkesi  mordono 10 volte in più le persone rispetto a tutti gli squali della terra.

4 - Topless: A New York non è illegale uscire in topless.

5 - Binari - In inverno Il NYC 'Metropolitan Transportation Authority ha trovato una soluzione per quando i binari si ghiacciano. Praticamente i binari vengono alimentati  dal gas che mantengono la temperatura della strada ferrata sopraelevata. Questo consente di sciogliere anche il ghiaccio più duro senza interrompere la corsa del treno.

6 -  Lenape - Manhattan deriva da una parola nella lingua Lenape che significa "Isola di molte colline. I Lenape eranoun popolo nativo americano.

7 - Walmarts - Strano ma vero a New York non c'è nessun Walmart, la famosa multinazionale statunitense di negozi al dettaglio.

8 -  Caffè - Sarà la vita frenetica, ma Newyorkesi bevono quasi 7 volte più caffè rispetto ad altre città negli Stati Uniti.

9 - Einstein - La cosa è davvero macabra: Gli occhi di Einstein sono in una cassetta di sicurezza a New York

10 -  Non solo l'inglese: Con 800 lingue parlate, New York è la città più poliglota nel mondo

mercoledì 13 novembre 2013

È stato venduto il quadro più costoso della storia per 142 milioni di dollari

Un altro record è stato infranto ieri sera a New York nella casa di aste Cristie's, il dipinto  Three Studies of Lucian Freud'' realizzato nel 1969 dal pittore irlandese Francis Bacon è stato venduto per la cifra di 142,4 milioni ( 105 milioni di euro), dopo la settima offerta. L'artista era morto nel 1992

Il dipinto Three Studies of Lucian Freud ritrae lo stesso Lucian Freud   pittore realista britannico scomparso nel 2011 - parente di Sigmund padre della psicanalisi. Il soggetto è seduto in una sedia di legno in te versioni differenti, con un sobrio sfondo arancione.

 Three Studies of Lucian Freud ha superato di fatto per valore l'Urlo di Edvard Munch che nel 2012 fu acquistato per 120 milioni di dollari all'asta di Sotheby's. Negli anni '70 i tre pannelli del trittico dell'artista irlandese furono venduti separatamente, poi raccolti da un collezionista romano  che possedeva altre opere di Bacon.

Ieri a New York per un totale di 69 opere sono stati totalizzati 691 milioni dollari con le commissioni. Un successo che è andato oltre il più sano ottimismo.


giovedì 7 novembre 2013

Joy Johnson ha voluto morire correndo

Joy Johnson con i suoi 86 anni è stata la concorrente più anziana che ha partecipato all'ultima edizione della Maratona di New York 2013. Nata per correre ed è morta proprio il giorno dopo il grande appuntamento della Grande Mela. 

Alla gara è caduta al km 20 battendo la testa, ma irremovibile si è rialzata per continuare la sua sfida contro il tempo e i chilometri che mancavano. La cosa incredibile che poche ore prima della sua dipartita era ospite al famoso programma del primo pomeriggio della NBC.  Nella sua vita ha esercitato la professione di docente di educazione fisica. Il suo sogno era quello di morire correndo, anzi è riuscita  a fare di meglio nel tagliare il traguardo per la venticinquesima volta. 

Poco dopo la trasmissione l'anziana ha mostrato segni di affaticamento, il  suo cuore era stanco dopo tutte le maratone fatte. La sorella ha raccontato che Joy è morta nel sonno in una camera d'albero a Roosevel di Manhattan.



sabato 12 ottobre 2013

Molestie sessuali non tutelate se sei uno stagista a New York

Qualche settimana fa è sta emessa a New York una sentenza che sta facendo parlare: se sei uno stagista nella Grande Mela non puoi citare il tuo boss a giudizio  per molestie sessuali, poiché non sei stato assunto come dipendente da quella compagnia o azienda.

La vicenda è capitata a un giovane ex stagista di Satellite Television di 26 anni  Lihuan Wang che si  è vista respingere la denuncia da un giudice di Manhattan per presunte molestie sessuali a suo danno, la motivazione perché non era una dipendente regolare dell'azienda.

Purtroppo essere uno saggista a New York e in altre città porta a molteplici difficoltà, non si è tutelati e spesso usati dagli stessi datori di lavoro senza percepire un minimo compenso. Questa ingiustizia si estende anche a quei tirocinanti non retribuiti ha dichiarato il giudice Kevin Castel della Corte federale di Manhattan, il concilio di New York poteva modificare questa legge ma non è mai stata in grado di farlo.

Wang racconta che il suo supervisore l'ha più volte molestata palpando il suo fondo schiena e obbligandola a baciarlo.

lunedì 6 maggio 2013

Gli esseri umani meravigliosamente diversificati a New York - foto

New York è una città eclettica  popolata da milioni di persone, ognuno di loro è un tassello colorato della metropoli, individui unici e diversi della Grande Mela probabilmente senza eguali che in altre parti del mondo. 

Abbiamo sempre sentito parlare di persone stravaganti che abitano a New York con la sua lista  infinita di personaggi bizzarri vestiti in modo unico, mai come questa volta delle  foto potevano essere più chiare a  dimostrare proprio questo.


Il fotografo Brandon Stanton, , ha iniziato nel 2010 un progetto chiamato HONY che ha lo scopo di catturare ritratti di più facce possibili,  una sorta di censimento fotografico della città che non dorme mai.  II suoi scatti rappresentano persone di  strada, individui di  diversa razza, religione, socio sfondo economico, modo differente di vestire. 

Guardando attraverso le migliaia  di foto della collezione in continuo aggiornamento,  dà come  l'impressione di un fotografo che ha viaggiato in tutto il mondo per la diversità dei personaggi,  ma le foto provengono solamente   da   New York City.



E' sorprendente di quanto questo progetto sia cresciuto, ora conta più di 700 mila fans sulla pagina ufficiale di Facebook. Stanton pubblica quotidianamente qualche foto al giorno, e poche ore dopo gli stessi fan della pagina si ritrovano a vedere le loro facce a rappresentare: Gli esseri umani meravigliosamente diversificati a New York.
















foto via[mymodernmet]

Humans of New York on Facebook
Humans of New York website

domenica 20 gennaio 2013

il 13 gennaio si è svolto il No Pants Subway rid tutti in mutande nelle metro di mezzo mondo

Anche quest'anno,  il "No  Pants Subway rid"  è stato un successo annunciato arrivando a coinvolgere molte persone in  60 città di tutto il mondo. Ma cos'è  il No  Pants Subway ride? Il flash mob, è una pazza e divertente iniziativa che include un normale viaggio in metro senza ricordarsi di indossare  i pantaloni per gli uomini e le gonne per le donzelle.

Giunto  alla sua 12eima edizione il No  Pants Subway rid è stata un'iniziativa di un gruppo di persone di New York che nel 2002  decisero di togliersi i pantaloni e prendere la metro cercando di essere i più seri possibile. Potete immaginare lo stupore dei viaggiatori vedendo questi strani personaggi in mutande con in mano la 24 ore e in giacca e cravatta.  Lo scopo dell'iniziativa far divertire i passanti " Improv Everywhere" 

Ormai questa inconsueta moda che si svolge ogni 13 gennaio, ha preso piega anche in altre città europee come: Londra e la stessa Milano. Unica regola  se vogliamo catalogarla con questo nome,   che i partecipanti si tolgano  gli indumenti ( quelli di sotto), appena preso posto in metro, tutto nella disinvoltura più totale, continuando nelle loro consuete attività che possono essere svolte all'interno di un treno, ascoltare della musica con il proprio iPod, leggere un libro o un quotidiano, o intrattenere una cordiale chiacchierata con il vicino di posto.

E se nel caso qualche viaggiatore stupito dovrebbe far notare all'altro viaggiatore in mutande che gli mancano i pantaloni, l'interpellato potrà rispondere senza imbarazzo, che se li è dimenticati nella sua lavanderia automatica di fiducia.


foto: blogs.independent.co.uk

martedì 15 gennaio 2013

Andrew Lynch ideatore di utili mappe minimali della metropolitana di New York - foto

Disegnare  una mappa del sistema  metropolitano della  città di New York City è abbastanza complicato, in quanto la mappa della metropolitana di solito non è realmente una mappa, ma piuttosto un diagramma. Il designer Andrew Lynch ha creato una cartina  della metropolitana più comprensibile e minimale.

Lynch ha un grande  occhio per l'estetica minimale, il designer con passione e dedizione  è riuscito a sviluppare una serie di nuove scale di mappe, una per ogni fermata della metropolitana . Ogni cartina separa una linea dal suo contesto all'interno della città, mostrando una sola linea ferroviaria come effettivamente l'occhio del viaggiatore vede all'interno della metropolitana.

Tutti i  poster, hanno un design minimalista caratterizzati da una scritta bianca (o nera) per il  testo. Lynch per ogni mappa ha  utilizzato  un colore  differente per distinguere la  linea e stazione  che rappresenta,  es: per la Irt Flushing Line posters il colore viola, per la famosa linea  BMT Subway Broadway il colore giallo.

Le mappe sono di dimensione 18x24 e possono essere acquistate  ad un prezzo di 25$  l'una dallo stesso Andrew, visitando il suo sito. Cartine che potrebbero risultare davvero utili per i turisti che per la prima volta approdano nella grande mela, e hanno bisogno di spostarsi velocemente da una zona all'altra della città. Mappe di facile consultazione ma estremamente precise. Davvero un ottimo lavoro.



foto: Andrew Lynch  Detail of the Titles and Subway Lines



foto: Andrew Lynch IRT Lexington Ave

domenica 23 dicembre 2012

Tony Lepore il vigile che dirige il traffico ballando - video

Natale significa tempo da dedicare e stare con la propria  famiglia,  Natale vuol dire, la curiosità di aprire i regali, mangiare biscotti appena sfornati e altre succulente pietanze natalizie  e, naturalmente, vedere le strade  affollate di persone, e un traffico tentacolare.  In tutto il paese, i vigili urbani stanno facendo gli straordinari per tenere le strade più sicure da quei automobilisti  e acquirenti dell'ultimo minuto.

Per quasi 30 anni, Tony Lepore un vigile urbano americano, ha diretto il traffico a suo modo,  lui non si limita a  richiamare l'automobilista, onde e soffiare dentro il fischietto, lui fa molto di più, balla mentre dirige il traffico esibendo  alcune mosse da balletto alla Lady Gaga.

Lepore ha detto alla trasmissione  Weekend Edition Sunday ospite di Rachel Martin, che ha sempre voluto essere un intrattenitore, ma che non era così semplice esserlo   a Rhode Island nel 1960. Così, accantonato il suo sogno di entrare a far parte ne l mondo dello spettacolo è diventato un vigile urbano.  Ma, dopo aver visto una  Candid Camera sulla polizia di Chigago fu ispirato a creare un poliziotto particolare: un vigile urbano che  a passi cadenzati e di danza dirigeva il traffico caotico di New York.

Retired police officer Tony Lepore performs his dance routine while directing traffic in 2004 in downtown Providence, R.I.

Darren McCollester/Getty Images

venerdì 12 ottobre 2012

7 monumenti da vedere a New York.


La Grande Mela, New York la città più famosa degli  Stati Uniti sa sempre  come conquistare il turista e lo stesso newyorkese, la metropoli propone una grande gamma di cose da vedere di tutti i generi: dai monumenti, ai parchi, ai negozi cool e trendy, poi nel suo affascinante caos, la varietà di etnia che affolla le sue strade. Se prima di partire non hai ancora fatto una lista delle cose da vedere, allora  questa guida potrebbe esserti utile su 7 monumenti da vedere a New York.

      Al primo posto dopo la scomparsa delle torri gemelle, L’Empire State Building è un classico da visitare.  Aperto tutti i giorni  sino alle 22. Anche per chi soffre di vertigini ne verrà ripagato potendo contemplare la vista magnifica di Manhattan. 381 piani di altezza e di  emozioni. Unico requisito avere molta pazienza per la lunga fila di turisti che ogni giorno la compongono.

      Brooklyn Bridge -  Una delle strutture di New York  più inquadrate anche nelle commedie americane. Il ponte di Brooklyn è il crocevia della città, che collega la meno famosa New Jersey.

         Manhattan Skyline – Situata nella parte sud di New York il visitatore resterà esterrefatto da un cielo stellato che domina il lusso di questa famosa area della Grande Mela.

        Statua della Libertà -  Da vedere facendo un giro in barca verso il tramonto renderà tutto più incredibile. Simbolo di New York e del sogno americano la Statua della Libertà domina maestosa a Liberty Island. Opera francese di Gustav Eiffel il padre della torre di Parigi, fu regalata agli Stati Uniti al 100 anni della dichiarazione di Indipendenza del luglio 1776.

     Cattedrale di San Patrizio Tra la 5th Avenue e la 51st Street nel cuore di Manhattan, ecco risiedere l’imponente cattedrale di San Patrizio patrono dell’Irlanda. Di stile neogotico costruita con marmo bianco e  grossi rosoni che ne abbelliscono la facciata.

        New York Public Library – Riconosciuta da tutti come una delle biblioteche più famose al mondo. Il suo catalogo è immenso di tutti i generi sino ad arrivare agli ultimi nati gli ebook.

         Central Park – questo non è proprio un monumento, ma vale lo stesso la pena di vederlo. Il parco fu aperto nel 1856 ed è il più grande di New York. Dal verde bellissimo, alla strada più lunga che misura 9,7 km. Central Park è il polmone della City è merita di trascorrerci almeno qualche ora.



giovedì 20 settembre 2012

“Lunch Atop a Skyscraper”: la mitica foto degli operai su una trave a NY a 800 mt che mangiano fu organizzata non autentica


Una delle foto più famose del 1900 esattamente del 1932 simbolo della ripresa e sviluppo economico americano non è vera. Quegli 11 operai seduti su una trave d'acciaio a 800 metri d'altezza e nel vuoto e che dominano tutta la grande mela  fu  una foto non spontanea ma prodotta è organizzata dall'agenzia Corbis.

“Lunch Atop a Skyscraper” questo il nome della foto che innalzava 11 operai nell'olimpo e nel coraggio sfidando l'altitudine, loro come equilibristi furono operai anche per la  trovata pubblicitaria per sponsorizzare il Rockefeller Center. La pose quindi degli uomini  non sono spontanee. Ora c'è da chiedersi, Se questi uomini erano seduti sempre su una trave ma al piano terra?

Mr Crompton fu l'uomo che convinse 11 operai a salire lungo una trave, 800 metri in aria, e a mangiare il loro pranzo in cima a un grattacielo di New York.
Abbiamo cambiato qualcosa'- uno degli operai ha una lattina di sidro nella foto mentre nella realtà aveva una bottiglia di whisky. gli operai chiesero di fare in fretta, perché al 48° piano la temperatura era di 10 gradi sotto zero.

sabato 15 settembre 2012

New York dal Madison Square Garden alla visone futurama riprodotto magicamente con i lego - foto

Si scopre che è possibile visitare il Futurama di  New York, ma all'interno di una riproduzione  sublime fatta di Lego grazie all'estro degli artisti Matt De Lanoy, Alias Pepa Quin.

 Questo progetto è il culmine di un lavoro di una idea che va avanti  da più di due anni. All'inizio affermano gli stessi artefici dell'opera "Abbiamo iniziato con  il Planet Express e altre costruzioni.  Nel dicembre 2009 ho ampliato l'edificio per includere la metropolitana".

Se volte vedere alcune delle foto che rappresentano le loro fantastiche riproduzioni di città, potete digitare Matt De Lanoy su Flickr



flickr:matt de lanoy

venerdì 24 agosto 2012

Nuova strage negli Usa - Sparatoria all'Empire State Building- due morti e 10 feriti

New York - Continua l'estate di follia americana. Questa mattina alle 9:07 (15:07 ora italiana), un uomo n, bianco sui 20 anni nei pressi dell'Empire State Building,  ha aperto il fuoco con una pistola di grosso calibro mirando alla testa a un'altra persona, poi sparando contro i passanti. Tra le vittime anche una donna estranea alla vicenda. Il raptus omicida sembra avvenuto per una disputa tra i 2 colleghi. In seguito alla caccia al pazzo di turno, l'uomo è stato ucciso dalla polizia.

venerdì 1 giugno 2012

Il celebre logo i love New York ha i giorni contatti

Chi non conosce il logo forse quello più famoso al mondo i love New York simbolo di tshirt, tazze e  migliaia di gadget. Questo logo fu disegnato da Milton Glaser nel 1976, bene l'immagine tra un po ci dirà addio, infatti il governatore di New York ha chiesto ai  cittadini di inviare nuove idee e schizzi per il nuovo logo newyorkese. 


Il famoso logo quindi andrà in pensione, sarebbe bene acquistare qualche tshirt in questi mesi per aver un ricordo del cuore solitario che per più di 30 anni è stato simbolo della grande mela.