Visualizzazione post con etichetta italia. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta italia. Mostra tutti i post

domenica 12 novembre 2017

Italia - Svezia: Un Mondiale senza azzurri è impensabile



Domani sera alle 20:45, l'Italia affronta la Svezia: partita di ritorno e gara valida per l'accesso ai Mondiali 2018 organizzati dalla Russia. Venerdì gli azzurri hanno steccato il primo match in casa degli svedesi perdendo con un autogol per 1-0. Più della sconfitta preoccupa l'approccio della squadra, una squadra senza mordente e voglia di combattere. Preoccupa non essere riusciti a fare neanche un gol: perso per perso era meglio il risultato di 2-1. Ora a San Siro, l'Italia per andare a Russia 2018 dovrà superare gli svedesi con almeno due gol di scarto. Purtroppo da quando la nazionale è stata affidata a Ventura, in quasi tutte le gare ha destato uno scetticismo e noia mortale, al cospetto di un gioco a dir poco deludente.

Un Mondiale senza azzurri è impossibile

Pensare di non vedere l'Italia ai Mondiali è qualcosa di impossibile da immaginare. Ricordo in un'altra circostanza nel 1997, l'Italia fare i playoff per andare alla fase finale di un Mondiale; quella volta in panchina c'era Cesare Maldini. Gli azzurri affrontarono la Russia, la prima gara si giocò a Mosca nello stadio della Dinamo. Gli azzurri passarono in vantaggio con un gol di Vieri, poi i russi pareggiarono. Questo match segna anche l'esordio di un giovanissimo Gigi Buffon, che a soli 19 anni e 9 mesi diventa il secondo portiere più giovane a esordire nella nazionale italiana. Ma questa oramai è storia, ora abbiamo bisogno di guardare al futuro, anzi al presente e alla partita di domani dove l'Italia si gioca la sua onorabilità e storia di fronte a tutto il mondo. Non andare ai Mondiali sarebbe un fallimento non solo sportivo, ma anche di credibilità per tutta la nazione. Purtroppo da troppo tempo (oltre alla Nazionale), le squadre italiane fuori dai confini nazionali continuano a collezionare figuracce una dopo l'altra. Dov'è quell'Italia storia del calcio? Quell'azzurro che da sempre ha avuto il pregio di unire gli italiani, popolo storicamente avverso a questo concetto. Non si può vedere un Mondiale senza leggere Italia nelle 32 nazionali finaliste, poi vada come vada, ma è obbligo lunedì sera staccare quel biglietto. Forza Italia!

mercoledì 14 gennaio 2015

23 cose da sapere sull'Italia e sugli italiani

Poche ore fa re Giorgio si è dimesso lasciando nello sconcerto generale i suoi sudditi! Quale migliore occasione per elencare alcuni fatti da sapere sul nostro bel paese. Straneze del tipo che ancora  500 mila italiani ogni annocredono di essere posseduti e chiedono aiutano all'esorcista. Oppure che anche in Italia ci sono stati dei  serial killer  stile Usa, tipo una certa Leonarda Cianciulli.

23 cose da sapere sull'Italia

1) Con 61 milioni di abitanti l'Italia è il quinto paese europeo più popoloso.


2) L'Italia è l'ottava potenza economica al mondo.


3) I conti della mafia sono il 7% del PIL italiano.

4) Situata in Italia, San Marino è la repubblica più antica al mondo ( 301 a.C)

5) Un terzo degli italiani non ha mai navigato in rete.

6) Più di un terzo dei maschi single tra i 30 -35 anni vive ancora a casa dei genitori.

7) Il 51% degli italiani non può permettersi una vacanza


8) La polizia stradale possiede due Lamborghini Gallardo


9) 500 mila italiani ogni anno visitano un'esorcista


10) Whatsapp è citato in quasi la metà di tutti i procedimenti di divorzio italiani.


11) In Italia c'è una statua sommersa di Gesù Cristo in bronzo alta 2,5 metri

12 ) Il dito medio di Galileo è in mostra a Firenze

13) All'età di 10 anni, Mussolini fu espulso da un collegio religioso per aver accoltellato un compagno di classe alla mano.

14)  A Venezia per legge le gondole devono essere dipinte di nero

15) Si dice che l'isola di Poveglia sia talmente infestata di fantasmi che l'accesso al pubblico non è permesso.

16) A Milano si sorride per legge. Lo dice un regolamento asburgico mai abrogato.

17) Ferrari è l'equivalente di Smith in Inghilterra.

18) Nel 2013 un uomo agli arresti domiciliari ha chiesto di andare in prigione per sfuggire dalla moglie.

19) L'artista Piero Manzoni ha riempito 90 barattoli di latta con le sue feci, vendendoli a 124 mila euro.

20) Un gatto a ereditato 13 milioni di dollari dal suo padrone italiano

21) Galileo nacque il giorno che Michelangelo morì

22) Leonarda Cianciulli fu una serial killer italiana conosciuta come la saponificatrice di Correggio. Smembrava le sue vittime per bollirli nella soda caustica. Altre volte trasformò alcune parti corpo in torte e dolci da servire agli ospiti.


23) I fascisti costringevano i prigionieri a bere massicce d'osi di olio di ricino.

Ovviamente la lista potrebbe essere allungata all'infinito. Se avete qualche curiosità - scrivetela giù nei commenti.

Ti potrebbe interessare



martedì 19 novembre 2013

In Italia sempre più donne sole

La parola solitudine è sempre stata vista e annotata in maniera negativa. Quando si parla di persone sole si fa riferimento sempre a donne annoiate, frustrate, senza rapporti sociali e senza uno scopo nella vita. Un’accezione ancor più negativa si ha quando la solitudine colpisce gli anziani e le donne.
In effetti per gli anziani rimanere da soli può essere una problematica. 

Le persone non autosufficienti da sole non sono in grado di portare avanti le occupazioni quotidiane e di routine: lavarsi, pulire e camminare può divenire un vero e proprio incubo per coloro che hanno questo problema di salute.
Per le donne tutto questo non è vero. E’ la società che impone alle donne di sposarsi, unirsi e fare figli. Per molte donne la solitudine non è un’accezione negativa, anzi. Vi sono molte donne sole che hanno avuto successo nella vita lavorativa senza per forza esser sposate ed avere una marea di figli.  

Molte ragazze preferiscono rimanere da sole che “imbarcarsi” in avventure o matrimoni avventati. E così dice una ricerca effettuata da un importante organismo italiano: 3 italiane su 10 all’età di 33 anni non si sono ancora sposate e non hanno ancora avuto figli. Circa dieci anni fa la percentuale era molto più bassa e si parlava di nemmeno 2 donne sole ogni 10 persone. Per i dettagli di questa ricerca scientifica vi rimandiamo al sito informativo sulle donne sole http://www.donne-sole.com/.


Sono nati circoli, discoteche, locali pubblici in generale e addirittura viaggi per single e donne sole: in questi posti si possono fare mille incontri per tutti i tipi di gusti. Ci sono donne sole che cercano l’anima gemella e ragazze che invece che cercano l’avventura della serata. Tutto questo era pressoché impensabile se si pensa alle condizioni sociali e umane della donna alla metà del precedente secolo!

lunedì 28 ottobre 2013

Novità Poste italiane: ecco il semaforo che elimina la fila

Fosse la volta buona che alle Poste italiane le persone possano evitare, e non essere più parte di quelle code chilometriche per arrivare allo sportello. Sembra che questo può essere possibile grazie a un sistema in via di sperimentazione, chiamato semplicemente come:  il semaforo che elimina la fila .

Perché noi tutti conosciamo che andare alle Poste è come un terno a lotto, ci sono giorni che esci dopo pochi minuti, altri rimani intrappolato per ore. Il progetto è già stato lanciato in qualche ufficio postale, pare che abbia avuto un riscontro positivo. In pratica il semaforo dinamico è una sorta di  calendario dinamico che ha la finalità di far conoscere ai clienti in quali giorni una persona può accedere allo sportello, senza aspettare lunghe code. Questo strumento viene aggiornato ogni mese.

Come funziona il semaforo delle Poste Italiane- Con il colore verde indicherà che è un giorno propizio, o ora ideale per poter effettuare operazioni postali. Giallo potrebbero esserci delle code. Rosso è inequivocabile che bisogna mettersi in fila e aspettare.  Per esempio i primi giorni del mese frequentati da pensionati si sconsiglia in prima mattinata. Quindi red car.

mercoledì 2 ottobre 2013

Italia: Banda larga quasi inesistente nelle zone rurali

In Italia non siamo messi di certo bene per quanto concerne la banda larga dove solamente il 17% delle zone rurali ne  usufruisce. Sono questi i dati sconsolanti emersi  dalle associazioni CIA, AGIA, e Cittadinazaattiva, della nostra rete nazionale. Come si è capito si sono rilevati degli incredibili ritardi rispetto ad altre nazioni più organizzate nelle connessioni veloci distribuite nella totalità del loro territorio.

In Italia la banda larga continua sostanzialmente a diffondersi nelle città e metropoli dove l'89% delle persone può disporre e utilizzare una connessione veloce specialmente al nord, ma nettamente inferiore è la possibilità di accedere nelle zone rurali e campagna con il solo 17%.

Questo dato influisce in maniera negativa sulle aziende agricole specialmente del sud che non hanno accesso alla rete. Anche in questo caso quelle del nord risultano più informatizzate. Portando la banda larga anche alle zone rurali  gioverebbe senz'altro all'economia ''liberando risorse per 35 miliardi di euro''.

Ma forse a chi di dovere non interessa  dare un servizio anche alle  persone extra metropoli e città. E' noto che ciascun  euro investito nelle tecnologia ICT frutta 1,45 di incremento sul PIL nazionale. Ma vai a spiegarlo ai politici, persone che ci governano  di oltre 70 anni che amano la retroattività e non sanno neppure inviare un SMS. Poi se provi a chiedergli cosa sia un programma open source... lasciamo perdere.

Eppure ormai avere internet non dovrebbe essere più un privilegio ma un diritto e un'esigenza. Infine per la cronaca secondo l'Onu   l'Italia è al 57 esimo posto al mondo per il digitale. Un bel primato non c'è che dire. 

domenica 4 agosto 2013

La musica preferita di Silvio Berlusconi

Nel bene e nel male il Cavaliere è sempre un personaggio da copertina. Giovedì scorso  l'ex premier è stato condannato  a quattro anni di carcere per frode fiscale. Come era facile presupporre  non farà neanche 10 minuti della sua vita dietro le sbarre.  Ma questo post vuole parlare di ben altro della musica preferita di Silvio Berlusconi.

Non è stato affatto semplice trovare informazioni sui gusti musicali del Cavaliere, sarebbe più facile e veloce scrivere un articolo che parla su altri suoi gusti. Quello che è certo che nel 2003 assieme al suo amico Mariano Apicella, Silvio Berlusconi ha debuttato nel mondo discografico come cantante in album di ballate napoletane, intitolato Meglio' na Canzone '  Quindi siamo sicuri che tra la musica preferita del Cavaliere la melodia partenopea, ha un ruolo importante nei suoi ascolti. Tra l'altro l'album ha venduto 20.000 mila copie.

Molti anni prima Silvio Berlusconi fu un cantante e pianista presso una nave da crociera chiamata Federico C, in quella stessa nave come artisti e intrattenitori c'erano 2 genovesi doc: Fabrizio De André e Paolo Villaggio. Il futuro Cavaliere amava suonare ''Più di prima ti amerò''. Un'altro cavallo di battaglia di Berlusconi  era ''Devi saper lasciare''  originariamente Il faut Savoir - di Aznavour, poi reinterpretata da Gino Paoli e Mina.  Perciò il signor Silvio amava i classici e immortali canzoni d'amore.

Ma veniamo ai giorni nostri, nel 2011 il duo Apicella &Berlusconi sfornano il loro capolavoro intitolato ''Il  vero amore'' uscito prima delle festività natalizie. La copertina dall'aspetto minimale mostra una coppia seduta su una panchina in un parco. I  2 innamorati osservano i due cani baciarsi, almeno loro sono sinceri.

6317910186 29d318ca74 o Vero amore, il nuovo album di Berlusconi Apicella

foto: via[quink.it]




lunedì 29 aprile 2013

Quello che il mondo mangia in una settimana - 30 foto di altrettante famiglie di tutto il mondo

Il fotografo freelance Peter Menzel è un famoso viaggiatore che ha visitato più di 30 nazioni in tutto il mondo. Menzel, ama fotografare e prendere nota con il suo taccuino gli usi delle famiglie, i loro beni, professioni,  per poi scrivere e creare una serie di foto all'interno di   libri come Material World: A Global Family Portrait.

Dalle foto che rappresentano 30 famiglie in 30 diverse nazioni,si può notare da subito quale sia la diversità dei propri beni e il tenore di vita. Dopo il buon successo del libro Material World: A Global Family Portrait, Peter Menez ha pensato con la  collaborazione della moglie Faith D'Aluisio, di trascorrere del tempo con 30 famiglie in tutto il mondo e analizzare la  loro spesa settimanale per  il suo ultimo libro Hungry Planet (Quello che il mondo mangia in una settimana). Si tratta di una felice intuizione, per capire meglio la dieta umana, esplorare ciò che culturalmente  le diverse famiglie mangiano per una settimana.

 Nel libro viene descritta  la spesa settimanale alimentare delle singole famiglie, e i costi. Grazie solamente alle foto proposte all'interno del libro che ritraggono  le famiglie nella proprie  dimore  attorniate dai beni alimentari, anche in questo caso, come precedentemente, si può notare la disparità che si presenta per esempio nella tavola di una famiglia del Chad con quella di una famiglia occidentale come: tedesca, della Gran Bretagna e texana. In quella africana una tavola scarna fatta da  alimenti di prima necessità, nelle altre tavole incombe l'abbondanza, ma gli alimenti sono soprattutto il cibo detto spazzatura.


La cosa incredibile è questa: le famiglie che vivono in povertà, mangiano cibi più nutrienti e integrali, mentre quelle occidentali che possono permettersi cibi più freschi, preferiscono gli alimenti preconfezionati e patatine in busta. Una correlazione interessante per  le persone  che vivono nei paesi più sviluppati, che devono far fronte a malattie del benessere, come il cancro, il diabete, la depressione e le malattie cardiache. 

Tra le famiglie di tutto il mondo c'è anche una italiana, che per fortuna presenta degli alimenti più sani rispetto ad altre famiglie occidentali. Nella tavola  made in Italy possiamo vedere una prevalenza di pane, frutta e verdura. Ma forse ormai contagiati dal consumismo, in fondo ci sono anche parecchie bibite gasate.


Canada
What_The_World_Eats_Canada


Chad
What_The_World_Eats_Chad

Gran Bretagna
What_The_World_Eats_Great_Britain

Italia
What_The_World_Eats_Italy

Giappone
What_The_World_Eats_Japan

Kuwait
What_The_World_Eats_Kuwait

Nord Carolina
What_The_World_Eats_USA

foto: via[.foodmatters.tv]

giovedì 11 aprile 2013

10 cartoni animati anni 80 da far vedere ai nostri figli.


Che mitici gli  anni '80 ero un telecartoneanimato dipendente, una nostalgia  è tornata ad allegare in me quando qualche settimana fa ho visto in DVD un concerto fatto a Lucca  dai Cavalieri Del Re, per la rassegna annuale di fumetti.

Così ho pensato che tra i cartoni animati che trasmettevano quando  ero bambino negli anni '80 con quelli  sul finire degli anni '90 c'era già  una netta differenza, per non parlare di quelli del 2000. Credo, malgrado possa essere di parte, che i cartoni della mia generazione avevano una storia da raccontare, questi  attuali non saprei?

Ma potrebbe anche essere  che  i nostri cartoni non vengano capiti e apprezzati dai bambini di oggi. Come si dice ogni generazione ha diverse vedute. Ad ogni modo questa è la mia speciale classifica dei:  10 cartoni animati anni 80 da far vedere ai nostri figli.
               


  1-  Astrorobot - Uscito per la prima volta in Italia a settembre del 1980, la serie contava 38 episodi. La storia inizia quando il popolo di Moguru che viveva in fondo all'oceano torna nella terra per conquistarla, il professor Uri capo della difesa mondiale progetta la base Astro con 4 colossali robot dotati di armi sofisticate. A pilotarli saranno 4 ragazzi allenati per fare questo.        


 2 - Mazinga   - Mazinga forse è la più celebre serie di robot che si ricollega a Goldrake. Il cartone inizia quando i dottori Kabuto e Inferno si recano sull'isola greca, e in un ritrovamento archeologico scoprono che i miceni erano in grado di costruire dei mostri meccanici.


3 - Candy Candy - Non guardavo solo robot, ma anche cartoni animati di tutt'altro genere come: Candy Candy. La storia narra di una bambina che viene  allevata   in un orfanotrofio ''La casa di Pony''  Dopo un'infanzia spensierata Candy verrà adottata da una famiglia ricca, ma le cose per la protagonista non andranno di certo nel miglior modo per colpa di altri. Un racconto fatto davvero bene.


4  -  Capitan Futuro - Realizzato nel 1978 e trasmesso per la prima volta in Italia nel 1981. Capitan Futuro è un eroe e comandante che naviga con la sua astronave nello spazio e difende gli abitanti più deboli dei pianeti che visita.


5  -  Conan il ragazzo del futuro -  Conan è un ragazzo di 11 anni ma dotato di una forza incredibile. A seguito dello scoppio della guerra mondiale il ragazzo rimane solo nell'isola prima abitata da lui e suo nonno. Conan lascia l'isola è va alla ricerca per salvare  Lana una bambina conosciuta per caso qualche tempo prima. Da qui il ragazzo avrà a che fare con soldati e persone senza scrupolo.

6 - Heidi - Questa è stato un vero fenomeno mediatico assieme ad Anna dei capelli rossi.  Heidi fu un cartone apprezzato sia dai bambini e bambine. Davvero bella la storia di questa fanciulla della Svizzera tedesca che vive con il nonno e ogni giorno assieme a un amico pastorello buffo di nome Peter vanno in giro per i monti. Di  seguito le puntate diventeranno più tristi, quando la bambina sarà portata via dal nonno e trasferita a Francoforte per fare compagnia a una bambina esile in sedia a rotella di nome  Clara. La nostalgia  di Heidi è profonda perché le mancano le montagne e  il nonno.


7 - Lady Oscar - Uno dei cartoni con il racconto più bello. Lady Oscar già da tenera età   fu allevata da  suo padre Generale della Guardia del Re   come se fosse un ometto, perché non aveva avuto nessun erede maschio. Poi c'è Andrè cresciuto con lei, innamorato di Lady Oscar  che donerà la sua vita per salvarla in un combattimento nel corso della rivoluzione francese.


8 - L'uomo tigre - Anche di questo cartone animato non ne potevo fare a meno, L'uomo tigre il demone giallo, sotto quella maschera Naoto Date un orfano cresciuto nell'istituto "Chibikko House'' poi portato via da una organizzazione segreta chiamata  Tana delle tigri, dove venne  allenato duramente a diventare un lottatore feroce e scorretto. Ma con il tempo l'uomo tigre iniziò a combattere lealmente e donare i suoi grandi guadagni allo stesso istituto  dove era cresciuto, mettendosi contro il losco Mister x e la Tana delle tigri che lo considerarono un traditore, perché Naoto non consegnava più la percentuale dei suoi guadagni delle  vittorie all'organizzazione.


9  - Lupin III - Il ladro gentil uomo ispirato a un classico della letteratura poliziesca ma rivisitato in versione giapponese. Lupin III ebbe un incredibile successo, mitici i suoi due compari: Gigen e Gamon, il suo buffo  rivale il commissario Zenigata, e la sensuale Margot, l'unica che riesce sempre grazie alla sua bellezza a fregare Lupin.


10 - Ken il Guerriero - Carletto Principe dei mostri  - Al decimo posto ma potrebbero anche essere ai primi  metto a pari merito:  Ken il Guerriero - Carletto Principe dei mostri. Il primo, un vero mito ambientato in  un tempo post atomico. Il protagonista conosciuto come Ken Shiro e alla ricerca della sua amata Giulia. Ken vive in un mondo privo di valori dove gli uomini non hanno più sentimenti. Ma grazie alla Divina Scuola di arti marziali Hokuto è l'unica ancora a custodire l'ideali di amore e giustizia,  Ken Shiro il suo allievo migliore ne incarna questi valori. Ventisei episodi da gustare.  
Carletto Principe dei mostri è stato un cartone animato  umoristico che racconta di simpatici mostri che abitano in un lontano pianeta a Mostrilandia.


La classifica poteva essere più che raddoppiata per questo vorrei segnalarne qualche altro: Braccio di Ferro, Daltanius, Hello Spank, Lape Maia, Mimi e la nazionale della pallavolo, Sampei, Devilman, forza Sugar, Lamù, Kiss me Licia, City Hunter.


    foto: L'uomo tigre

foto: via [cartonionline]


foto: Heidi


foto: Lady Oscar

giovedì 4 aprile 2013

Papa Bergoglio va forte anche in libreria: quattro delle cinque letture più lette di questa settimana sono firmate dal Pontefice

Jorge Mario Bergoglio continua a ottenere consensi come pastore della chiesa di Roma, come predicatore e ora come autore di libri. Nella classifica dei libri più venduti di questa settima gli scritti  di Jorge Mario Bergoglio  hanno battuto la concorrenza, collocandosi nelle prime quattro  posizioni su cinque disponibili.

Al primo posto  ecco il libro:  Papa Francesco – Il nuovo papa di si racconta, una intervista fatta al  Pontefice quando ancora era  Cardinale a Buenos Aires. A parlare con colui che un giorno sarebbe diventato il nuovo Papa c'erano Francesca Ambrogetti giornalista dell'ansa e  Sergio Rubin  storico biografo del Cardinale italo/argentino sino agli inizi del 1990.  In Italia il titolo del libro  è stato volutamente modernizzato. Quel che certo che è disponibile in ogni libreria del nostro paese.

Al secondo gradino, un altro libro scritto proveniente da sua Santità Jorge Mario Bergoglio intitolato: Umiltà, la strada verso Dio.  L'opera potremo  descriverla come  una vera  e propria   meditazione guidata  fatta dal Pontefice per i fedeli.  A spezzare l'egemonia Papale ( almeno di libri venduti), ecco  al terzo posto: La rivoluzione della luna di Andrea Camilleri, primo sino a qualche giorno fa ma che ha dovuto cedere  lo scettro al Papa scrittore.

Quarto e quinto ancora degli scritti di Bergoglio : Guarire della corruzione, titolo abbastanza eloquente. anche questo di 64 pagine. Infine Aprite la mente al vostro cuore, dove il Papa desidera riportare una chiesa alla natura spirituale non politica. Il suo nome Francesco non è stato ovviamente voluto a caso.




foto: via [antoniogenna]



foto via[riparteilfuturo.it]

giovedì 28 febbraio 2013

I trombati eccellenti delle ultime elezioni, continueranno a trombarci lo stesso

Aria di cambiamento nella politica italiana, la maggioranza degli elettori ha così votato: via le vecchie mummie dal Parlamento, largo ai giovani. Un discorso a parte con i suoi  77 anni suonati,  è per quella vecchia volpe di Berlusconi che ancora una volta è riuscito a ipnotizzare l'italionco (uomo di poca cultura e credulone )  portando  a casa un insperato risultato. 

Ma io vorrei parlare degli esclusi d'eccellenza di queste elezioni 2013, politici che ho sempre visto  seduti nelle poltrone del Parlamento da quando nel 1993 ho iniziato a votare. Ora gli  chiamano  in tono sarcastico i trombati eccellenti ma che continueranno ancora per molto tempo a trombarci lo stesso.

Fantasmi sempre presenti, che sentiremo  dietro respirare al nostro collo, e succhiare ancora la nostra anima:  perché percepiranno delle pensioni d'oro assieme a delle  buone uscite  che per un comune lavoratore, non bastano 40 anni di contributi. GianFranco Fini l'emblema degli esclusi eccellenti, dal 1983 Deputato non stop, percepirà una buona uscita di 260 mila euro e una pensione di 6200 euro netti. Ma la lista continua senza interruzioni passando ad Antonio Di Pietro con una  pensione da 4.300 euro e una  buona uscita di 60mila euro.

 Per gli altri trombati eccellenti basta cercare la lista su google, e prendere visione delle scandalose cifre e vitalizio che questi furbacchioni avranno come consolazione.  Trombato ma rimborsato.



foto: via [lameziainstrada.it]

lunedì 14 gennaio 2013

Siete pronti a imparare a memoria tutti i 215 simboli di partito?

Il 2013  sarà ricordato anche per  l'exploit di simboli di partiti  per le prossime elezioni politiche di febbraio, i contrassegni in vista sono ben 215. In percentuale il 15% in più dell'ultima elezione, con 181 simboli presenti, ma ne furono accettati 153.

Le  coalizioni candidate: Come era già noto da qualche settimana saranno 4 le coalizioni presenti: Mario Monti quella di centro assieme a Casini e Fini, Silvio Berlusconi centrodestra con 9 partiti per la Camera e 14 per il Senato, trai principali alleati Lega Nord, il partito dei Pensionati, Popolari Italia Domani, la Destra di Storace.
Bersani quella di centrosinistra con 7 partiti alleati, tra cui Nichi Vendola con il suo Sel, e il Sud Tirorel Volkpartei e infine Antonio Ingroia  di forze a sinistra di PD e Sel.

E il Movimento a 5 stelle di Beppe Grillo? Il ministero dell'interno dovrà esaminare a breve il ricorso fatto dal movimento 5 stelle contro le liste civette che avrebbero copiato o almeno imitato il simbolo del partito di Grillo. Quello che è certo che domenica 20 e lunedì 21 le liste saranno esposte.

Tra i simboli e i nomi più originali  troviamo No Gerit Equitalia e Stato ladro forza evasori  contro le tasse, e la evergreen Ilona Staller con il suo partito dell'amore Democrazia natura amore. C'è proprio l'imbarazzo della scelta ... anche se la storia sarà sempre lo stesso. E io pago!
Dimezziamo lo stipendio ai politici - Simbolo Lista 2013




mercoledì 7 novembre 2012

Il Poker online in Italia: un fenomeno in forte espansione


Anche in Italia, sono sempre di più i giocatori neofiti o esperti che si cimentano nell’avventura del poker online. Un gioco, che ogni giorno  attira ai tavoli virtuali, e dietro uno schermo, migliaia di italiani. Ognuno con la propria storia, le proprie virtù e vizi, ma accomunati tutti quanti dal sacro fuoco della sfida, e nel sogno (perché per molti resterà tale), di sbarcare il lunario, di essere e sentirsi  in quella notte,  un vero asso del poker. Persino i telegiornali hanno parlato di questo fenomeno, e della sua crescita costante. Gli italiani non più un popolo di navigatori e santi, ora di giocatori di Texas Holdem.
http://www.flickr.com/photos/maor-x/2972218890/sizes/m/in/photostream/
I primi portali con le poker room in italiano, furono lanciati nell’estate del 2008 in modalità “playmoney” soldi finti. Grazie all’incredibile successo ottenuto, si decise di passare alla versione più intrigante “for real” ossia a soldi veri, il tutto a distanza di pochi mesi, poi regolarizzato dall’AAMS: Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato. Il bello per gli utenti, fu proprio quello di sfidare altre persone di differenti regioni, e non più quello della tipica puntata al casinò dove il giocatore è solo contro il banco.

Le situazioni che si verificano dietro al tavolo sono differenti, infatti esistono tornei dove si possono fare delle piccole puntate, (0,50 centesimi), sino ad arrivare  a una puntata massima di 100€ dove partecipano giocatori esperti  che ambiscono a premi di diverse migliaia di euro. Il poker quindi, è un gioco meritocratico, non ha importanza se dietro lo schermo si trova un falegname o un imprenditore, quello che conta non è solo una buona dose di fortuna, ma abilità nel sapere sfruttare e rischiare in quella determinata partita. Poter fare il tanto sospirato all in.
http://www.flickr.com/photos/coolmel/4280982184/sizes/m/in/photostream/
Per verificare  la serietà di un  sito di poker online, da qualche anno agli utenti viene richiesto in fase di registrazione e apertura del proprio conto il codice fiscale. Inoltre nell’intercorrere di 30 giorni è obbligatorio inviare firmato il contratto di adesione e accettazione delle clausole che ogni portale vige secondo la legge del nostro paese. Come per ogni settore o nicchia, anche per il mondo del poker esistono dei portali specializzati dediti a recensire i siti più sicuri online.

 Tra le varianti del poker si è diffuso tra i nostri connazionali quello detto Texas Holdem, celebre per i tornei milionari negli usa. L’essenza di questo avvincente gioco divenuto famoso  in  quello online, è sviluppato nelle room italiane, ha portato delle nuove differenze volute dai giocatori italiani, denominandolo Poker all’italiana5 card draw. Il profitto per alcuni giocatori è costante, ma dipende come ogni gioco, affrontarlo e viverlo secondo le proprie possibilità. Sarebbe sempre consono per ogni utente non provare a vincere per forza, perché questo porterebbe senz'altro a una disfatta non solo morale ma anche economica.  

Chi gioca per divertirsi, probabilmente ha più opportunità di portare a casa anche un discreto gruzzolo.
 poiché il giocatore privo di pressioni e senza un’infrenabile voglia di guadagno facile, ha una  mente libera da pensieri negativi.  Prima di difendere le vostre carte,  pensate sempre di difendere le vostre finanze. Buon all in a tutti.

http://www.flickr.com/photos/bramapp/320528658/sizes/m/in/photostream/

domenica 9 settembre 2012

Ancora un crollo a Pompei: Cade la trave di legno nel Peristilio della villa dei Misteri



Pompei - E' triste venire a conoscenza quando un'opera millenaria cade per colpa delle intemperie e per la noncuranza degli uomini. E se Pompei fosse rimasta sepolta nella sua cenere ormai fredda forse il suo patrimonio sarebbe ancora intatto? Quel che conta che ancora una volta una villa romana nella città del Vesuvio potrebbe crollare  sotto gli occhi impassibili di chi dovrebbe preservare questo inestimabile patrimonio. La nostra classe dirigente e quella locale non è stata in grado di prevenire a questo scempio, nel giro forse di 50 anni questa totale negligenza porterà alla città di Pompei a sgretolarsi del tutto.


 foto:  fotowebsorrentina

mercoledì 5 settembre 2012

Sarai il mio fedele amico anche dopo la morte: Pisa il progetto di un cimitero per animali e padroni


Non di rado mi sono imbattuto in foto commoventi che ritraevano un cane accucciato sopra la tomba del suo padrone. Un amore incondizionato senza volere nulla in cambio. Un amico a 4 zampe che probabilmente si lascerà morire perché di solito la natura vuole che sia lui  prima del suo padrone   a esalare l'ultimo respiro. A Pisa c'è un progetto di un cimitero misto dove potranno riposare uomini e animali: amici inseparabili. Un cimitero che già esiste nella contea britannica del Lincolnshire, dove è possibile essere seppelliti insieme ai propri animali domestici:, cani, gatti ma anche cavalli. Trovo questa proposta davvero una bella cosa, poiché indistintamente, tutti siamo creature di Dio... come si dice


foto fatta a Londra a Highgate cemetery da Gianluca Scintu






sabato 1 settembre 2012

Vorrei lasciare in eredità ai giovani una nuova fiducia nei concorsi di Stato. Quelli che faremo noi saranno puliti e porteranno i vincitori in cattedra.

Un tempo c'erano le graduatorie dove uno ci rimaneva per anni o tutta la vita senza aver avuto mai la felicità di acquisire un posto, ma spendendo la sua vita di precariato. Da oggi le graduatorie non ci saranno più, chi vuole un posto se lo deve conquistare con il concorso. L'annuncio che forse farà felici i neolaureati e precari della scuola. Il Premier ha detto << Sono solo riuscito a ripristinare il turn over tanti insegnanti vanno in pensione e tanti ne entrano>>. Spiega profumo  «Vorrei lasciare in eredità ai giovani una nuova fiducia nei concorsi di Stato. Quelli che faremo noi saranno puliti e porteranno i vincitori in cattedra>> Perciò
salutiamo le graduatorie per la scuola: Da oggi uno si siede in cattedra solo mezzo concorso. E magari basta con i raccomandamenti o quelli saranno sempre di moda?

domenica 19 agosto 2012

La recessione esiste ma il vescovo di Mazara del Vallo veste Armani

Strano io ho sempre sentito che la chiesa doveva prendere alla lettera l'esempio di Gesù, vivere di povertà e carità. Ma è da troppo tempo, da secoli, che il clero non rispetta e non hai mai pensato  a questa condizione di vita. In  1000 anni di storia solo  San Francesco e qualche altro frate hanno voluto fare una vita di stenti e di privazioni, come il vangelo chiedeva, come Gesù ha insegnato a tutti i cristiani.
  Ma il vescovo di Mazara del Vallo ha un'altra mentalità, egli veste Armani, forse è di un'altra veduta, il sacerdote vestirà paramenti firmati Giorgio Armani  per la messa che sarà trasmessa su Rai Uno alle 10:45. Una vera sfilata di moda.  A me sembra non più un momento di raccoglimento la messa eucaristica,  ma una occasione per mettersi in mostra. Ma questa è la realtà e noi siamo dei poveri ignoranti ai loro confronti.
vescovo-di-mazara-del-vallo-3.jpeg

sabato 18 agosto 2012

Basta con questo caldo - Temperature in aumento per tutta la settimana

Alzarsi ogni giorno già con 30 gradi inizia per me e per altri a diventare pesante, per poi passare ai solito 38° - 40°  a mezzogiorno. Ma ancora il bello deve arrivare, va via Caligola e poi arriva Lucifero, che fantasia, chi ha messo questi nomi agli anticicloni? Perché  no l'anticristo? Visto che il mondo è allo sfascio. Lucifero toccherà anche la Scandinavia sino in Lapponia e produrrà un parziale scioglimento del Polo. Poveri animali del Polo per colpa di qualche stronzo d'uomo il vostro habitat naturale  sta sparendo.

martedì 3 luglio 2012

Leggenda Iker Casillas chiede rispetto per l'ITALIA sul 4-0- video


Kiev - Il capitano e portiere della nazionale spagnola durante il recupero della finale vinta dalla Spagna sull'Italia per 4 - 0 e con gli azzurri in 10 per tutto il secondo tempo, chiede all'arbitro di concludere la partita per rispetto degli avversari perché l'Italia non merita di essere ancora umiliata. Il capitano spagnolo si rivolge all'arbitro con queste parole " Arbitro rispetto per l'avversario, rispetto per l'Italia"





mercoledì 13 giugno 2012

Approvato l’art.10 del Ddl corruzione, una beffa

La Camera ha votato la fiducia sull’articolo 10 del Ddl corruzione sulla non candidabilità delle persone condannate per delitti non colposi, peccato che sarà operativo,se tutto va bene, tra un anno.
La norma su cui il governo ha ottenuto la fiducia prevede una delega al governo ad adottare entro un anno dall’entrata in vigore della legge un testo unico sull’incandidabilità a parlamentare e ad altre cariche elettive di chi ha subito una condanna penale definitiva per reati contro la pubblica amministrazione o per un delitto punito con pena superiore a tre anni.
Alle prossime elezioni sarà tutto come prima, cambiare per non cambiare nulla, buffoni i Professori ed il governo che li sostiene.

fonte : express news . it

venerdì 25 maggio 2012

Berlusconi propone elezione diretta del Presidente della Repubblica

Silvio torna alla ribalta era da un po' che non si avevano notizie a parte la solita storia dei festini. Il Cavaliere oggi in una dei suoi tg precisamente su Italia 1 vuole proporre assieme ad Alfano una riforma Costituzionale dell'elezione diretta del Presidente della Repubblica, per intenderci come il modello francese.


«Mi sono dimesso per fare le riforme con l'opposizione» l'ex Premier è convinto che ci sia la possibilità di modificare la Costituzione. Per altri è solo propaganda, secondo  Antonio di Pietro  è solo un artificio, uno strumento mediatico.